Riceviamo e rilanciamo quest’appello sulla situazione del leader del popolo curdo Abdullah Öcalan

Il 14 marzo 2021, da account anonimi di media digitali turchi, sono state diffuse alcune voci che sostengono che il leader del popolo curdo Abdullah Öcalan sia morto in prigione. Nel corso degli ultimi 22 anni di isolamento disumano del signor Öcalan nell’isola prigione di Imrali, abbiamo visto che la diffusione di tali voci fa parte della componente psicologica della guerra dello Stato turco contro il popolo curdo.

A causa dell’assenza di informazioni affidabili sulla situazione attuale di Öcalan, il popolo curdo e i suoi amici sono profondamente preoccupati. Le accuse riguardanti la vita di Öcalan sono state diffuse poco prima del Newroz, la festa del nuovo anno curdo, il 21 marzo. Il Newroz, che è stato celebrato dai curdi per oltre 2.600 anni, è una festa della vita e della resistenza, ed è diventato un’importante dimostrazione di identità nazionale e di resistenza all’occupazione e al dominio straniero. Con l’avvicinarsi di questo importante giorno, i curdi di tutto il mondo sono stati in allerta in risposta alle voci riguardo Öcalan.

Il Comitato europeo per la prevenzione della tortura (CPT) del Consiglio d’Europa non ha imposto sanzioni contro la Turchia e ha emesso solo critiche scritte o orali allo stato turco. Le condizioni inumane e senza legge della prigione chiusa di alta sicurezza di tipo F dell’isola di Imrali, dove Abdullah Öcalan è detenuto dal 1999, sono continuate fino ad oggi. Per quanto riguarda le condizioni di Imrali, un divieto totale di contatto con il mondo esterno (compresa la corrispondenza) è stato imposto a tutti i prigionieri detenuti nella prigione di Imrali, risultando in una sorta di “incommunicado imprisonment”.

Lo stesso CPT ha dichiarato che “un tale stato di cose non è accettabile e contravviene chiaramente a vari strumenti e standard internazionali sui diritti umani”. Separatamente, un rapporto del relatore speciale delle Nazioni Unite Juan Méndez all’Assemblea generale dell’ONU nell’ottobre 2011 ha dichiarato che l’isolamento “può equivalere alla tortura o a trattamenti o punizioni crudeli, inumani o degradanti quando viene usato come punizione” e ha invitato tutti i paesi a vietare questa pratica, tranne in circostanze molto eccezionali. Tuttavia, l’isolamento di Öcalan persiste. L’ultima visita dell’avvocato del signor Öcalan a Imrali è avvenuta il 7 agosto 2019, e l’ultima comunicazione del signor Öcalan con la sua famiglia è avvenuta per telefono il 27 aprile 2020. È ovvio che l’attuale regime di detenzione applicato dallo Stato turco a Imrali è contrario alle Regole minime standard delle Nazioni Unite per il trattamento dei prigionieri (Regole Nelson Mandela).

Per anni, la Turchia è stata in uno stato di crisi, con l’autoritario presidente turco Recep Tayyip Erdoğan e il suo governo di coalizione tra il Partito della Giustizia e dello Sviluppo ed il Partito del Movimento Nazionalista (AKP-MHP) che schiacciano ogni forma di dissenso, per mantenere e rafforzare la loro presa sul potere. Erdoğan ha reso tutte le altre istituzioni statali impotenti, senza alcun controllo sulla sua capacità di governare per decreto. Il 26 febbraio 2021, l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Michelle Bachelet ha evidenziato le violazioni dei diritti umani in Turchia, nel suo rapporto alla 46a sessione del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite.

La Turchia è membro del Consiglio d’Europa. In primo luogo, il Consiglio d’Europa e il suo Comitato per la prevenzione della tortura (CPT) sono responsabili di garantire il rispetto del diritto internazionale nell’isola prigione di İmrali e di permettere una visita immediata degli avvocati di Öcalan a İmrali. Anche l’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani deve agire con urgenza per prendere provvedimenti contro la Turchia, uno Stato membro delle Nazioni Unite, e la Commissione Europea deve assicurarsi che la Turchia adempia ai suoi obblighi in materia di democratizzazione, diritti umani e stato di diritto come candidato all’adesione all’UE.

Infine, chiediamo alle organizzazioni internazionali attive nel campo dei diritti umani, della democrazia e della risoluzione dei conflitti di dedicare risorse per fare pressione sullo Stato turco affinché rispetti il diritto internazionale.

Abdullah Öcalan, riconosciuto da milioni di curdi come legittimo rappresentante del popolo curdo e leader della loro resistenza contro l’oppressione dello Stato turco, ha giocato un ruolo centrale nelle discussioni per una soluzione pacifica della questione curda.

La libertà del leader del popolo curdo Öcalan è vitale per la soluzione della questione curda.

Commissione per i rapporti esteri del Congresso Nazionale del Kurdistan (KNK)