STOP alla produzione di bombe – STOP alla vendita di armi

06.02.2021 - Redazione Italia

STOP alla produzione di bombe – STOP alla vendita di armi
(Foto di https://www.facebook.com/stopbombeRWM)

Apprendiamo dalla stampa che finalmente il parlamento italiano ha deciso di attuare la legge 185/90 sull’esportazione di armi.

Plaudiamo a questo provvedimento auspicato e fortemente richiesto da vari anni e per il quale abbiamo tenacemente lottato.

Ci piace ricordare che:
“L’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro… (art. 1 della Costituzione)
“…Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione, che concorra al progresso materiale e spirituale della società (art. 4 della Cost.).
“L’Italia ripudia la guerra… (art. 11 della Cost.).

La legge 185 vieta l’esportazione di armi a paesi belligeranti o responsabili di violare i diritti umani. La produzione e vendita di armi di distruzione di massa è, quindi, oltre che immorale, illecita.

Con sgomento e sdegno leggiamo le dichiarazioni dell’AD della RWM, e ancor di più del sindaco di Domusnovas, di alcuni sindacati e alcuni dipendenti. Un coro di voci che gridano all’ingiustizia, alla necessità di difendere i posti di lavoro, alla tutela delle famiglie dei dipendenti della RWM, alla difesa dell’economia della zona e così via…

All’AD rispondiamo:
Come può gridare all’ingiustizia e lamentare mancati profitti (e che profitti)?
Come può chiedere, all’unisono con politicanti nostrani e sindacalisti “di casa”, al governo italiano e quindi alla collettività, di accollarsi l’acquisto di queste armi micidiali?
Come possono pensare i dipendenti di sopperire ai bisogni delle proprie famiglie costruendo ordigni di morte e distruzione rendendosi, di fatto, complici di massacri?
Ai dipendenti della RWM rinnoviamo per l’ennesima volta l’appello a richiedere un lavoro che sia volto all’accrescimento e al benessere dei popoli, non alla loro distruzione.

Alcuni sindacati pronti a ricordare i genocidi del passato “per non dimenticare” ma ciechi, sordi e indifferenti di fronte ai genocidi del presente, pensano che sia un lavoro pianificare e contribuire alla distruzione di interi popoli e nazioni?

Chi, politico, (im)prenditore, sindacato complice, è incapace di creare lavoro che contribuisca al benessere e all’accrescimento dei popoli si trincera dietro la “difesa dell’occupazione”; così facendo non fa altro che coprire la propria inefficienza e nullità.

A tutti coloro che con la parola “lavoro” si arrogano il diritto alla distruzione dei popoli, a tutti questi, con una sola voce diciamo
VERGOGNA!

Per sensibilizzare l’opinione pubblica vi sarà un sit-in martedì 9 febbraio alle ore 10,30 in Piazza L’Unione Sarda a Cagliari.

Campagna Stop RWM – Cagliari Socialforum

https:www.cagliarisocialforum.wordpress.comcagliarisocialforum@gmail.com

Categorie: Comunicati Stampa, Europa, Pace e Disarmo
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Search

Racconti della Resistenza

Racconti della Resistenza

Il canale Instagram di Pressenza

Catalogo dei Documentari

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.