Il presidente Joe Biden firma oggi tre ordini esecutivi sull’immigrazione. Il primo istituisce una task force che mirerà a riunire centinaia di famiglie richiedenti asilo separate dall’amministrazione Trump. Gli altri due ordini esamineranno l’interruzione del processo di asilo da parte di Trump, ripristineranno i finanziamenti ai paesi dell’America centrale volti a combattere le cause profonde della fuga di tante persone e rivedranno il controverso programma di Trump “Remain in Mexico” e altre politiche dell’era Trump che hanno reso più difficile per gli immigrati ottenere la residenza permanente nel caso avessero usufruito di aiuti pubblici come i buoni pasto.

Intanto però i difensori degli immigrati stanno condannando la deportazione di centinaia di richiedenti asilo nei primi giorni della presidenza di Biden – dopo che un giudice federale ha temporaneamente bloccato la moratoria di 100 giorni istituita dal nuovo presidente. Un volo di espulsione degli Stati Uniti è partito per Haiti lunedì – il primo giorno del Mese della Storia Nera. Secondo il Guardian oggi è prevista la deportazione di più di venti richiedenti asilo africani.