Libertà di pensiero, coscienza, religione e credo

25.11.2020 - Ginevra, Svizzera - Rene Wadlow

Quest'articolo è disponibile anche in: Inglese, Francese, Tedesco

Libertà di pensiero, coscienza, religione e credo

Il 25 novembre ricorre l’anniversario dell’adozione della Dichiarazione delle Nazioni Unite sull’eliminazione di tutte le forme d’intolleranza e di discriminazione fondate sulla religione o il credo. La Dichiarazione del 25 novembre 1981 si fonda sull’Articolo 18 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, la quale sancisce che “Ogni individuo ha diritto alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione; tale diritto include la libertà di cambiare religione o credo, e la libertà di manifestare, individualmente o in comune, e sia in pubblico che in privato, la propria religione o il proprio credo nell’insegnamento, nelle pratiche, nel culto e nell’osservanza dei riti”.

La stesura della Dichiarazione ha richiesto quasi 20 anni di complesse trattative: la fase di preparazione del documento è cominciata nel 1962. Una delle aree più complesse in fase di stesura della Dichiarazione riguardava il diritto del bambino a “ricevere un’educazione in materia di religione o di credo secondo i desideri dei genitori o, all’occorrenza, dei suoi tutori legali, e [il bambino] non dovrà essere costretto a ricevere un’educazione religiosa contraria ai desideri dei suoi genitori o dei suoi tutori legali, sulla base del principio ispiratore dell’interesse del fanciullo”.

La Dichiarazione prosegue sostenendo che “Il fanciullo dovrà essere protetto contro ogni forma di discriminazione fondata sulla religione o il credo. Egli dovrà essere allevato in uno spirito di comprensione, di tolleranza, di amicizia tra i popoli, di pace e di fraternità universale, di rispetto della religione o del credo altrui e nella piena consapevolezza che la sua energia ed i suoi talenti devono essere dedicati al servizio dei propri simili”.

Il documento sottolinea che la libertà di pensiero, coscienza, religione o credo e l’eliminazione di tutte le forme d’intolleranza e di discriminazione fondate sulla religione o il credo sono senza alcun dubbio di carattere fondamentale e scaturiscono dalla dignità e dal valore intrinseco dell’essere umano. Eppure, la graduale evoluzione delle norme dell’ONU sulla questione della libertà religiosa è stata un processo complesso che ha rispecchiato le relazioni bilaterali tra gli Stati membri, soprattutto negli anni ’80 – l’ultimo decennio della guerra fredda tra Stati Uniti e Russia. Tuttavia, il concludersi della guerra fredda non ha posto fine alle tensioni religiose come fattore importante nei conflitti interni e internazionali.

Le comunità religiose hanno un ruolo da svolgere nel portare le riflessioni spirituali ed etiche a promuovere la riconciliazione e la guarigione. Nonostante il titolo della Dichiarazione sia piuttosto banale, il documento è una pietra miliare nella difesa della libertà spirituale. Il suo anniversario deve ricordarci che disponiamo di uno strumento importante.

Traduzione dall’inglese di Ilaria Laurenza. Revisione di Thomas Schmid

Categorie: Internazionale, Umanesimo e Spiritualità
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Search

Il canale Instagram di Pressenza

Catalogo dei Documentari

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.