Mediterranea Saving Humans in piazza a Pescara

14.10.2020 - Benedetta La Penna

Pescara, Nave di Cascella, 3 ottobre 2020 – In queste settimane il governo italiano, utilizzando la tecnica dell’ostracismo amministrativo e burocratico è riuscito a bloccare le navi e gli aerei delle società civile che prestavano soccorso nella frontiera più letale del mondo, quella del Mediterraneo centrale.

La nostra nave, la Mare Jonio, è tra quelle a cui viene impedito di svolgere la sua missione.

È per questo, che in tutta Italia, da Milano a Catania, gli equipaggi di terra di Mediterranea hanno deciso di mobilitarsi con iniziative di informazione e sensibilizzazione.

Pescara si mobilita con la sua società civile in Piazza 1 Maggio dalle 17. Inizialmente avranno luogo il raduno e i primi interventi di partiti, associazioni e cittadini. Dalle 18 l’artista pescarese Anouscka Broadacz guiderà un flash mob statico. Dalle 18.30 si riprenderà con gli interventi della compagine locale e regionale a favore della mobilitazione.

Aderiscono:

-ANPI PESCARA,

-RETE OLTRE IL PONTE,

-PAS Partecipazione Attiva Studentesca,

-LAS Libera Associazione Studentesca,

-ARTICOLO UNO Federazione di Pescara,

-SINISTRA ITALIANA PESCARA,

-MOVIMENTO SARDINE PESCARA,

-MOVIMENTO SARDINE ABRUZZO,

-ARCI PESCARA,

-ARCI ABRUZZO,

-AMNESTY INTERNATIONAL PESCARA-CHIETI,

-MILA DONNAMBIENTE,

-MAJELLANE,

-POTERE AL POPOLO ABRUZZO,

-FORMICA VIOLA,

-MAZI’,

-ARCIGAY CHIETI,

-COORDINAMENTO ABRUZZOPRIDE

 

Il 3 ottobre è un data particolare. Sette anni fa fu il giorno della terribile Strage di Lampedusa: 368 donne, uomini e bambini annegati a pochi metri dalle coste dell’isola, mentre tentavano di raggiungere la salvezza in fuga dall’inferno da cui provenivano. Il 3 ottobre di due anni fa Mediterranea iniziava la sua azione di testimonianza e soccorso civile nel Mediterraneo Centrale.


Mediterranea Saving Humans chiede:

– La fine del blocco pretestuoso di Mare Jonio e delle navi e degli aerei della Civil Fleet;
– Il riconoscimento del valore e della necessità del soccorso civile in mare;
– L’immediata assistenza e assegnazione di un porto sicuro entro le 24 ore per tutte le navi, imbarcazioni e natanti che si trovassero a dover operare un soccorso in mare, a prescindere dalla loro classificazione commerciale.

– La fine degli indegni accordi con la Libia e del finanziamento alla cosiddetta “Guardia Costiera Libica”.

E’ gradita la massima diffusione e partecipazione.

Categorie: Non categorizzato

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.

maltepe escort