Il partigiano combattente Germano Nicolini è partito per l’ultimo viaggio: si è spento a 100 anni nella sua casa di Correggio

25.10.2020 - Fulvio Grandinetti

Il partigiano combattente Germano Nicolini è partito per l’ultimo viaggio: si è spento a 100 anni nella sua casa di Correggio
(Foto di https://www.youtube.com/watch?v=WZJFTJaI-XM)

A cent’anni, nella sua casa, si è spento “Al Dièvel”, eroe della Resistenza reggiana.

Un ragazzo del 1919, nato mentre si dispiegava il terrorismo fascista nelle campagne e cresciuto con lo scarpone della dittatura in faccia. In guerra, al momento di scegliere da che parte stare non esitò: partigiano combattente. Tredici scontri a fuoco con i fascisti italiani e tedeschi, due battaglie, la fuga rocambolesca dai nazisti che gli valse il soprannome di “diavolo”.

E poi ancora sindaco di Correggio e vittima di una delle tante montature giudiziarie che dalla fine degli anni Quaranta riempirono le carceri di ex-partigiani, mentre i fascisti tornavano in libertà e ai posti di comando nella neonata Repubblica democratica: nel 1947 venne accusato ingiustamente dell’omicidio di don Umberto Pessina e fu condannato a 22 anni di carcere, ma ne scontò solo 10 grazie a un indulto.
Fu scagionato in modo definitivo solamente nel 1994.

Il 25 marzo 1997 gli venne conferita la Medaglia d’argento al valore militare con questa motivazione: «Ufficiale dell’Esercito, dopo l’8 settembre 1943, fuggiva dalla cattura ed entrava in formazione partigiana, a difesa della Patria invasa. Durante il lungo periodo di appartenenza alle formazioni e nelle numerose azioni di combattimento dimostrava brillanti doti di organizzatore e di comandante, sprezzante di ogni pericolo. La sua opera è stata giudicata cospicua, perché svolta in difficili condizioni, in zona di pianura costantemente controllata dal nemico. Considerato uno dei migliori combattenti della resistenza reggiana.»

Nel 2005 disse: “noi sognavamo un mondo diverso, un mondo di libertà, un mondo di giustizia, un mondo di pace e un mondo di fratellanza e di serenità. Ho 85 anni, da allora ne sono passati sessanta,purtroppo questo mondo non c’è. E allora riflettete, ragionate con la vostra testa. Continuate la nostra lotta”.

A lui e alla sua storia i Modena City Ramblers hanno dedicato la canzone “Al Dievel” in dialetto modenese:

Nel suo nome e in quelli di tutte e tutti i combattenti per la libertà continueremo a lottare.

Buon viaggio, Comandante Diavolo!

Libri per approfondire:

Noi sognavamo un mondo diverso. Le speranze del comandante Diavolo” di Massimo Storchi e Germano Nicolini

Nome di battaglia: Diavolo. L’omicidio don Pessina e la persecuzione giudiziaria contro il partigiano Germano Nicolini” di Frediano Sessi

Categorie: Europa, Politica
Tags:

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.

maltepe escort