Gli ostacoli al Ddl Zan: le parole della discriminazione

14.08.2020 - Gabriella De Rosa

Gli ostacoli al Ddl Zan: le parole della discriminazione
(Foto di Foto: https://pixabay.com/it/pride-lgbt-bandiera-arcobaleno-828056/)

Il mese scorso si è parlato molto del DDL Zan, ovvero la legge contro l’omofobia. Il DDL prevede provvedimenti contro le discriminazioni e le violenze per orientamento sessuale, genere e identità di genere. Una legge che si aspetta da oltre vent’anni in questo paese, ultimo tra le altre nazioni europee.

Il codice penale italiano attualmente punisce i reati basati su discriminazioni di nazionalità, etnia e religione, ma non erano mai stati ancora egualmente punibili i reati fondati sulla discriminazione sessuale e identità di genere. In Italia, a differenza di altri paesi europei non esiste una legge che tuteli le persone LGBTQ+. Come spesso accade, il nostro paese tarda a mettersi al passo con l’evoluzione e il progress; molte le invettive arrivate anche dalla comunità cattolica e dal Cei.

Il disegno di legge Zan prevede modifiche agli articoli 604-bis e 604-ter del C.P., modifiche all’articolo 90-quarter c.p.p. e del DL 215/2003 (Legge Mancino). Questa legge è la sintesi di cinque proposte di legge in un testo unificato che eliminerebbe ogni atto violento o incitamento alla violenza e discriminazione sulla base del genere e identità di genere, contrastando così misoginia e omofobia.

A fine luglio il testo unificato del Ddl Zan è stato posto all’esame della Commissione Giustizia della Camera, dove sono stati portati 1017 emendamenti. Questi sono stati limitati a dieci ad articolo per ogni gruppo parlamentare. Ad apportare maggiori emendamenti, ovviamente, i gruppi politici di destra come Lega e Fratelli d’Italia, che lo considerano “ddl liberticida”, mentre da parte di Forza Italia c’è stata un’astensione che conforma l’apertura a Renzi e la sua Italia Viva anche su altri fronti. Lega e Fratelli d’Italia hanno depositato 975 emendamenti con un gran lavoro di ostruzionismo, fortunatamente in seguito limitato.

Negli ultimi anni l’argomento in questione è stato oggetto di fervente discussione e non potevano di certo mancare obiezioni, contrasti e controversie, ma a suscitare i maggiori dissensi è stato il testo della legge stessa. E come sempre in Parlamento, per ostruire il passaggio di una legge con il testo e la lingua ci si ingegna. Alcuni emendamenti proposti da deputati della Lega rasentano il ridicolo e lo scherno nei confronti dell’importanza e del valore di un provvedimento simile. Il partito della Meloni, invece, ha proposto quello che è passato ai media come l’emendamento “salva omofobi”, ovvero la tutela di episodi discriminatori in contesti religiosi o di promozione della famiglia tradizionale. Con un linguaggio pesante, gli emendamenti proposti mostrano tutta la volontà di bloccare un’eguaglianza valoriale promuovendo limiti e pregiudizi.

Si è chiesta inoltre maggiore chiarezza sulla definizione dei termini troppo generici utilizzati nel testo per evitare confusioni e ambiguità. Il relatore però ha chiarito che la terminologia prescelta vuole evitare formulazioni discriminatorie. Sembrava necessario chiarire il significato di espressioni come “sesso, genere, orientamento sessuale e identità di genere”.

Il lungo iter di valutazione del testo si è concluso con l’approvazione della “clausola salva idee” voluta da Forza Italia e spiegata da Zan come un richiamo alla Costituzione. Questa clausola nasconde però nella sua formulazione linguistica molte insidie: stabilisce infatti che “è consentita la libera espressione di convincimenti ed opinioni, nonché le condotte legittime, riconducibili al pluralismo delle idee e alla libertà delle scelte”. Poco chiari il suo senso e il suo significato; come sempre sarà poi la giurisprudenza a chiarirlo, anche se la Commissione Affari Costituzionali ha chiesto di rivedere proprio questo punto per evitare incertezze in sede applicativa.

Il testo è stato approvato dalla Commissione Giustizia della Camera solo il 3 agosto e con tanti bastoni fra le ruote il DDL Zan verrà rimandato a settembre.

Sappiamo bene come il linguaggio delle leggi sia oscuro e incomprensibile e talvolta errato e in termini di comunicazione di certo non è un esempio. Se parliamo di temi molto delicati, la situazione si fa ancora più complessa poiché la lingua e le leggi caratterizzano la nostra cultura e cambiano il modo di vedere il mondo; se scriviamo le leggi in una lingua ambigua, anche la nostra cultura sarà deviata. E di cultura parliamo quando si affrontano temi che riguardano i diritti umani e i valori di parità e uguaglianza e di libertà.

Gli sgambetti politici dovrebbero avere poco a che fare quando si tratta dell’intera società, invece di scivolare in giochi linguistici e ostruzionismo a suon di parole. I conservatori, i cattolici o altri contrari che gridano a leggi liberticide manipolano concetti costituzionali per accusare di limitare la libertà chi la libertà la difende. Ci sono parole e concetti fondamentali da rispettare utilizzare in modo giusto.

Compiere abusi sulla lingua e utilizzare violazioni linguistiche per interessi politici o per difendere le proprie idee contrarie a un provvedimento è un colpo basso e un’offesa alla democrazia, alla libertà di espressione e alla nostra lingua che esprime tali valori.

 

Categorie: Diversità, Opinioni, Politica
Tags: , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Giornata della Nonviolenza

Giornata della Nonviolenza

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.