Carceri: anche in Emilia Romagna cresce il sovraffollamento e il disagio sociale

17.07.2020 - Redazione Bologna

Carceri: anche in Emilia Romagna cresce il sovraffollamento e il disagio sociale
(Foto di radio città del capo)

Il problema principale delle carceri emiliano-romagnole è un sovraffollamento in perenne crescita, probabile causa di molte delle altre criticità della vita negli istituti penitenziari lungo la via Emilia.
Il dato è emerso dalla relazione annuale svolta da Marcello Marighelli, Garante regionale per le persone ristrette e private della libertà, nel corso dell’audizione nella Commissione Parità della assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna.

Marighelli ha tratteggiato la situazione delle carceri emiliano-romagnole e riassunto l’attività del Garante regionale svolta nel 2019, che si è concentrato soprattutto su due temi: la salute in carcere e l’avviamento al lavoro.
“E’ stato difficile concentrarsi sulla relazione per il 2019 nel pieno della pandemia da Coronavirus di quest’anno, ma, visto l’importante lavoro fatto, è giusto renderne conto”, spiega Marighelli che auspica un ritorno alla normalità dopo il Covid-19: “Speriamo che si ritorni alla piena attività per quanto riguarda educazione, volontariato, formazione: i segnali positivi in questa direzione- sottolinea- ci sono già”.

Scorrendo i numeri resi noti da Marighelli si vede come il numero delle persone recluse sia in crescita: in dodici mesi si è passati dai 3.554 del 2018 ai 3.834 del 2019. Le donne detenute sono 155, mentre gli stranieri sono 1.930.
Le strutture carcerarie ospitano mediamente il 137% di persone in più di quelle che dovrebbero, con la sola eccezione di Castelfranco Emilia dove gli ospiti sono il 37,5% della capienza della struttura. “Nel 2019 sono stati 15 i bambini che sono stati nelle carceri della nostra regione, con una permanenza che è andata da poco meno di una settimana fino, per un caso, a 10 mesi”, sottolinea il Garante per il quale “in Emilia-Romagna non è presente alcuna delle strutture individuate dalla legge ed è necessario porre termine ad una situazione che non rispetta i diritti dei bambini e delle madri: con la Garante dell’Infanzia intendo concertare un’iniziativa per realizzare una casa-famiglia protetta che possa ospitare 2 o 3 bambini con le loro madri per brevi periodi”.

“Il Coronavirus ha complicato di molte le cose: ci siamo attivati con le altre Istituzioni per fare il possibile per contrastare i contagi e aiutare le persone in questa difficile situazione e ora dovremo affrontare la Fase 2”, spiega Marighelli che ricorda come dopo aver provato in più realtà i collegamenti via Skype per assicurare i colloqui dei detenuti con i propri famigliari nel periodo top della pandemia, ora sarà difficile cancellare queste innovazioni tecnologiche per tornare “al telefono a gettone”.

La situazione di sovraffollamento, la scarsità di lavoro, la presenza di molti stranieri con poche possibilità di avere un permesso di soggiorno a fine pena, sono probabilmente alla base di un crescente disagio della popolazione detenuta. Sono numerosi gli atti di autolesionismo (1.381 totali, di cui 1.085 compiuti da stranieri), i tentati suicidi (137 totali, di cui 108 compiuti da stranieri) e 4 i suicidi (di cui uno riguarda un detenuto straniero).

Categorie: Comunicati Stampa, Diritti Umani
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.

maltepe escort