Coronavirus, l’attivismo non si è fermato – 2. Pietro Forconi, Collettivo Resilient Gap e Comitato Salviamo il Parco Bassini di Milano

05.04.2020 - Redazione Milano

Coronavirus, l’attivismo non si è fermato – 2. Pietro Forconi, Collettivo Resilient Gap e Comitato Salviamo il Parco Bassini di Milano

Dopo la testimonianza di Anita Sonego, diamo la parola a Pietro Forconi, attivo in due gruppi ambientalisti milanesi.

1- L’emergenza coronavirus ha creato una situazione nuova x tutti, sconvolgendo abitudini e certezze, ma per gli attivisti ha significato anche la cancellazione di iniziative organizzate da tempo, o ancora da realizzare. Come hai vissuto e vivi questo momento?

L’emergenza coronavirus ha colpito la società a 360 gradi e di conseguenza anche le attività delle realtà di cui faccio parte, ossia il Collettivo Resilient Gap e il Comitato Salviamo il Parco Bassini.

Con Resilient GAP abbiamo dovuto annullare molteplici iniziative già programmate: due conferenze, una iniziativa di pulizia al Parco delle Cave, una gita, un ciclo di Climate Change Conference Simulation, delle presentazioni sui cambiamenti climatici nelle scuole e tanto altro.

Con il Comitato Salviamo il Parco Bassini abbiamo dovuto annullare un’assemblea pubblica prevista per marzo e un’iniziativa di coinvolgimento di studenti e studentesse in Piazza Leonardo Da Vinci.

Personalmente questo momento lo vivo come una grossa emergenza a cui ognun* deve dare il suo contributo per contribuire a risolverla, ossia – nei limiti delle nostre possibilità – aiutare chi da questa emergenza sta più soffrendo: dagli aiuti alimentari a chi sta in un’emergenza economica aggravata dall’assenza di ammortizzatori sociali, ad offrirsi per fare commissioni per conto delle persone a rischio. Il tutto mantenendo ovviamente tutti i protocolli di sicurezza e rispettando il distanziamento sociale.

Ho pensato che dobbiamo farci forza e mentre adattiamo le nostre vite personali a questa nuova vita quotidiana, continuare a mantenere il focus sul tipo di realtà sociale che vogliamo costruire ad emergenza finita.

Personalmente, non voglio tornare alla “normalità” precedente, perché la normalità precedente è quella che ha aggravato e intensificato l’emergenza Covid-19 in cui ci troviamo ora: dalla distruzione di ecosistemi naturali che ha consentito il salto zoonotico del virus, alla globalizzazione selvaggia che ne ha favorito la trasmissione; dai tagli alla sanità avvenuti in Italia negli anni passati, alla ritardata e parziale chiusura delle attività produttive non essenziali per via delle pressioni dei gruppi industriali che hanno anteposto l’interesse di categoria al bene della società collettiva.

2- Quali risposte nuove e creative ha trovato la tua associazione per continuare la sua attività nonostante le limitazioni imposte da questa emergenza?

 Come Comitato Salviamo il Parco Bassini stiamo mantenendo i contatti tra noi con riunioni telematiche periodiche. Inoltre siamo in costante contatto con gli altri comitati cittadini che si occupano di cause simili alla nostra e che hanno la nostra stessa visione del modello di città; stiamo organizzando e pensando ad un percorso di condivisione e di supporto reciproco delle cause per accrescere la nostra forza.

Come Resilient GAP stiamo adattando molti dei nostri progetti alla situazione attuale: come rendere il progetto “Biblio GAP” e i Cineforum fruibili anche da remoto, stiamo finalizzando la parte grafica del nostro progetto “Guida Galattica per Ecologisti” e abbiamo in mente un nuovo progetto per sentirci meno sol* durante questa quarantena (stay tuned).

 

Categorie: Ecologia ed Ambiente, Europa, Interviste
Tags: , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.