Morti per il clima: performance di Extinction Rebellion al laghetto dell’EUR

15.12.2019 - Extinction Rebellion

Morti per il clima: performance di Extinction Rebellion al laghetto dell’EUR
(Foto di XR Roma)

Oggi 15 Dicembre a Roma gli attivisti e le attiviste di Extinction Rebellion (XR) hanno attuato una performance shock simulando la morte drammatica per affogamento al laghetto dell’EUR, nei pressi della sede storica della multinazionale dell’energia ENI (Ente nazionale Idrocarburi). «Questo è il presente e sarà il futuro per milioni di persone nel mondo se non agiamo ora per fermare il collasso climatico e ambientale che sta travolgendo il pianeta» dichiara il gruppo XR di Roma.

Video della Performance

Con una performance dal significato tragico XR chiede al Governo di agire ora e di dare immediata applicazione alla mozione che riconosce l’Emergenza climatica appena approvata dal Parlamento, affinché non rimanga un mero atto simbolico, eliminando sin da subito i sussidi pubblici all’industria del fossile che mette a repentaglio la vita umana.

«Non abbiamo più tempo. Per ottenere dai governi cambiamenti radicali sono necessarie azioni radicali» – continua Extinction Rebellion Roma – «Siamo qui per denunciare l’immobilismo delle istituzioni e coinvolgere l’opinione pubblica su un problema drammatico che necessita un’azione immediata».

L’innalzamento del mare combinato con altri fenomeni climatici estremi aumentano senza precedenti la frequenza di eventi catastrofici, determinando danni a persone, animali e a interi sistemi produttivi. Nel solo 2019 in Italia si sono registrati 1.543 eventi estremi, dato tra i più alti in Europa1. Dal secondo dopoguerra al 2018 le calamità naturali, terremoti esclusi, sono costate all’Italia quasi 160 miliardi di euro2. Nonostante questo l’Italia spende più 18 Miliardi di Euro l’anno in sussidi ai combustibili fossili3.

Il Decreto Clima approvato comporta misure assolutamente insufficienti per mantenere il riscaldamento medio globale entro 1.5°C. La riduzione di emissioni pianificata porterebbe a un aumento di temperatura compreso tra 2 e 3°C, il doppio della soglia di sicurezza stabilita dall’accordo di Parigi.

L’IPCC4 ci ricorda che il tasso di aumento del livello medio globale del mare (GMSL) per il periodo 2006-2015 di 3,6 mm all’anno, non ha precedenti nell’ultimo secolo. Oltre 1 miliardo di persone che, nel mondo, vive vicino alle coste sarebbe costretto ad abbandonare la propria casa divenendo a tutti gli effetti migrante climatico. In Europa si stimano circa 86 milioni di persone a rischio. In Italia, così come nel resto della fascia mediterranea, il 70% della popolazione vive nella zona costiera.

l’Italia inoltre si sta scaldando più velocemente della media globale e di altre terre emerse del pianeta. Nel 2018 ha raggiunto un nuovo record di temperatura media annuale con +1.71°C.

Venezia, il polesine, con il delta del Po e parte della pianura padana rischiano di scomparire5 a causa del surriscaldamento del pianeta.

Per porre fine a questo drammatico stato di cose e al precipizio che tutti saremo chiamati ad affrontare se non invertiamo la rotta, Extinction Rebellion chiede con forza ai governi:

  1. VERITÀ SULLA SITUAZIONE

Che il governo dichiari l’emergenza climatica e ecologica e informi compiutamente la popolazione sul collasso climatico in corso

  1. AZIONE IMMEDIATA

Che si fermi la distruzione degli ecosistemi e della biodiversità e si portino allo zero netto le emissioni di gas serra entro il 2025;

  1. OLTRE LA POLITICA

Che il governo costituisca e sia guidato dalle decisioni di un’assemblea di cittadini/e sulle misure da attuare e sulla giustizia climatica ed ecologica.

Categorie: Comunicati Stampa, Ecologia ed Ambiente, Europa
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.