Elezioni nel Regno Unito. Riflessioni su un momento oscuro e su una luce di speranza

14.12.2019 - Anna Polo

Quest'articolo è disponibile anche in: Inglese, Spagnolo, Francese, Greco

Elezioni nel Regno Unito. Riflessioni su un momento oscuro e su una luce di speranza
(Foto di https://www.facebook.com/JeremyCorbynMP/)

Il risultato delle elezioni nel Regno Unito è stato per me una mazzata per vari motivi. Forse ingenuamente, nonostante le previsioni e i sondaggi negativi ho continuato fino all’ultimo a sperare in una vittoria di Jeremy Corbyn, anche perché avrebbe avuto un effetto dirompente non solo nel paese, ma pure a livello internazionale, segnando una svolta radicale in temi quali il disarmo, l’ambiente e le migrazioni e ponendo fine a decenni di austerity.

Forse proprio per questo la destra e i media hanno fatto di tutto per impedirla, portando a livelli ancora più feroci la campagna di denigrazione, bugie e calunnie nei confronti del leader laburista. Ma soprattutto Boris Johnson ha saputo assecondare la tendenza attuale a votare (quando si vota) con la pancia, senza ragionamenti e riflessioni logiche, ma inseguendo soluzioni facili e in genere legate alla ricerca di un capro espiatorio. In questo modo tutto si risolve in una catarsi irrazionale, dando la colpa a chi sta peggio e sperando così di stare meglio.

Infatti quello che più mi ha colpito delle elezioni inglesi è stata la gente povera che si lamenta dello stato disastroso in cui è ridotto il servizio sanitario nazionale e poi vota per chi l’ha distrutto e non per chi mette al primo punto del suo programma la proposta di tassare i ricchi per finanziarlo. Cade nel tranello di dare la colpa di tutti i mali all’Europa e agli immigrati e reagisce come un bambino esasperato dall’orticaria e pronto a fare di tutto per togliersi il prurito. Johnson e i media hanno parlato ossessivamente solo di Brexit e poi hanno presentato il voto per i conservatori come il modo per togliersi dai piedi il problema. “Get Brexit done! – Facciamola finita con la Brexit!”, come se uscire dall’Europa risolvesse magicamente tutti i mali del paese.

Il programma laburista conteneva proposte sulla sanità, l’istruzione, gli alloggi e l’ambiente che prese una per una godevano di grande popolarità e avevano coinvolto ed entusiasmato migliaia di attivisti, soprattutto giovani. Corbyn ha cercato in tutti i modi di spostare il dibattito dalla Brexit alle questioni sociali e soprattutto negli ultimi giorni ha identificato il voto per i laburisti con la difesa del servizio sanitario nazionale, un tema che tocca la vita di tutti (tranne forse i ricchi che possono permettersi costose cliniche private). Neanche questo messaggio in apparenza semplice è riuscito però a fare breccia in un elettorato che gli ha preferito l’illusione che uscendo dall’Europa e cacciando gli immigrati le cose sarebbero andate meglio. I laburisti dovranno fare una seria riflessione sulle ragioni di questa disfatta dopo anni di governo conservatore, senza però cadere in una trappola che anche in Italia conosciamo bene: quella dell’attribuire la sconfitta a un programma troppo radicale, indicando poi come salvezza scelte più moderate che in realtà sono solo una versione edulcorata della brutalità neo-liberista dell’estrema destra.

Bisogna poi ricordare che il voto nel Regno Unito riflette una tendenza generale a votare uomini “forti” tipo Trump, Bolsonaro e Salvini, privilegiati che si presentano come salvatori del popolo e indirizzano la sua rabbia per le condizioni di vita sempre peggiori verso i più deboli e discriminati.

Come se ne esce, allora? Cercando una luce di speranza in questo momento oscuro ho tentato di individuare un elemento comune nei fenomeni più positivi e incoraggianti degli ultimi tempi e l’ho trovato in una parola che sintetizza un sentimento in apparenza elementare, ma in realtà profondo: Basta! Dicono basta gli studenti americani stufi delle stragi nelle scuole, che l’anno scorso hanno dato vita a marce e iniziative contro la lobby delle armi. Dicono basta Greta, gli attivisti di Fridays for Future e di Extinction Rebellion, che rifiutano un futuro segnato dalla catastrofe climatica. Dicono basta i cileni che rivendicano dignità e giustizia dopo anni di disastrose politiche neo-liberiste. Dicono basta le femministe di Me too, Non una di meno e del flash mob contro la violenza dello stato patriarcale oppressore e stupratore che ha fatto il giro del mondo. Dicono basta i singoli, le associazioni e le Ong che difendono i diritti dei migranti e salvano vite in mare e in terra, rifiutando la falsa retorica dell’invasione. Dicono basta le Sardine italiane, scese in piazza per rifiutare i discorsi di odio, il razzismo e il fascismo dilaganti nella politica. E molti altri ancora…

Tutti questi movimenti però non rappresentano solo una denuncia, ma forniscono anche un canale di espressione a un’esigenza e a un sentimento di unione, amore, speranza, solidarietà e comunità. Sono creativi, spontanei e orizzontali e corrispondono a una nuova sensibilità che si sta espandendo soprattutto tra i giovani, ma che sa anche recuperare e valorizzare i momenti più ispiratori del passato. I ragazzi cileni che non erano ancora nati ai tempi del colpo di stato di Pinochet e ora cantano con entusiasmo El pueblo unido jamas serà vencido sono una chiara dimostrazione di questo ponte tra generazioni.

Allora forse è questa la via da esplorare e approfondire: un sentimento che risuoni nel cuore di tanta gente, accogliendo e valorizzando le diversità, dando speranza e aprendo il futuro al di là di fallimenti e sconfitte inevitabili in questo momento in cui un nuovo mondo ancora fragile e frammentato cerca di farsi strada in un mondo violento che ricorre a ogni mezzo pur di conservare il suo potere.

 

Categorie: Internazionale, Opinioni, Politica
Tags: , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 26.01.20

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

Chiudiamo le pagine di chi spegne i sorrisi

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.