Londra vieta tutte le proteste di Extinction Rebellion, ma le azioni dirette continuano

15.10.2019 - Democracy Now!

Quest'articolo è disponibile anche in: Inglese, Spagnolo

Londra vieta tutte le proteste di Extinction Rebellion, ma le azioni dirette continuano
(Foto di Democracy Now!)

Londra ha vietato tutte le proteste di Extinction Rebellion e ha sgomberato l’accampamento di protesta a Trafalgar Square, dopo che oltre 1.400 persone sono state arrestate in otto giorni di manifestazioni di massa per chiedere un’azione urgente per affrontare la crisi climatica. Lunedì mattina, centinaia di persone hanno bloccato il traffico fuori dalla Banca d’Inghilterra, mentre altri attivisti si sono incollati agli uffici della Barclays Bank, dell’appaltatore militare BAE Systems e la società finanziaria americana BlackRock.

Jo: “Questa società è una delle ragioni principali per cui la Terra è in un tale casino. So che ci saranno persone all’interno di BlackRock che stanno lavorando sodo per provvedere ai loro figli. E presto riceveranno il messaggio che sono loro a rendere il futuro meno sicuro e il pianeta inabitabile”.

Nonostante il divieto, le proteste di Extinction Rebellion continuano oggi a Londra, dove la co-fondatrice del gruppo Gail Bradbrook ha cercato di rompere una delle finestre del Dipartimento dei Trasporti con un martello, mentre altri attivisti si sono incollati all’edificio. Clicca qui per vedere la nostra intervista completa con Gail Bradbrook.

 

Categorie: Ecologia ed Ambiente, Europa
Tags: , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 13.11.19

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.