Extinction Rebellion contro l’industria delle armi: disarmare per decarbonizzare

17.10.2019 - Londra - Extinction Rebellion

Quest'articolo è disponibile anche in: Inglese, Spagnolo

Extinction Rebellion contro l’industria delle armi: disarmare per decarbonizzare
Otto membri di XR Peace si sono incollati insieme fuori dalla Corte Suprema, tra cui Eric Levy (91 anni, quarto da sinistra). (Foto di Gareth Morris)

XR Peace si è oggi unita ad altri attivisti contro il commercio di armi per mettere in scena una giornata d’azione contro l’industria bellica inquinante e oppressiva.

– Alle 8 del mattino, gli attivisti di XR Peace si sono incollati alle porte del quartier generale di Leonardo UK in Great George Street per protestare contro il coinvolgimento dell’azienda nel commercio di armi, attraverso la fornitura di sistemi di guida per i missili utilizzati nello Yemen e in Siria, così come di altre tecnologie multimediali e telecomunicazioni. Tre attivisti sono stati arrestati sul posto; un quarto è stato arrestato per aver tenuto uno striscione.

– Alle 9.30 del mattino, otto attivisti di XR Peace, tra cui un uomo di 91 anni, del gruppo Trident Ploughshares, si sono incollati fuori dalla Corte Suprema per sottolineare il mancato rispetto del diritto internazionale da parte del governo riguardo alla produzione di armi. L’azione è volta a sottolineare che l’uso indiscriminato delle armi nucleari Trident per uccidere civili e colpire obiettivi militari è illegale ai sensi del diritto internazionale.

– Alle 11 del mattino, quattro attivisti dell’XR si sono incollati alla porta del quartier generale londinese di Lockheed Martin, una delle maggiori industrie belliche del mondo, che fornisce armi nello Yemen e in Siria. Tre persone che assistevano all’azione sono state arrestate.

I militari di tutto il mondo sono i principali inquinatori e sono spesso esentati dagli accordi internazionali sul clima sulla riduzione delle emissioni di carbonio. L’esercito statunitense è, secondo molte stime, il più grande consumatore istituzionale mondiale di petrolio ed emettitore di gas serra e di altri inquinanti.

Un portavoce di XR Peace ha dichiarato: “Le tensioni geopolitiche esistenti – che la crisi climatica non farà che aumentare – sono opportunità redditizie per il commercio delle armi, che cerca di sfruttarle. Il commercio delle armi non solo partecipa attivamente al cambiamento climatico attraverso la sua massiccia impronta di carbonio, ma rappresenta anche un ostacolo diretto a una transizione verso un mondo più equo, basato su principi di ecologia e cooperazione”.

Dichiarazione di XR Peace: “Come vengono catturati i combustibili fossili e come vengono controllate le loro risorse? In che modo i governi proteggono gli interessi economici delle imprese all’estero? In che modo le comunità indigene e locali, le cui terre sono ricche di combustibili fossili, vengono costrette a spostarsi da governi che servono gli interessi delle imprese e li considerano più importanti della vita umana? Come vengono repressi i movimenti popolari contro questo sistema capitalistico estrattivo? Mentre i disastri ambientali e le atrocità della guerra continuano a cacciare dalla loro terra milioni di persone, come fanno i governi razzisti a controllare i loro confini? Attraverso l’uso delle armi e la successiva violenza, facilitando, sostenendo e traendo profitto dal complesso militare industriale.

L’industria dei combustibili fossili e quella delle armi si alimentano a vicenda, creando un’enorme ricchezza per un numero minimo di persone al costo di milioni di vite umane, oltre alla devastante distruzione urbana ed ecologica.

Questo è un mercato basato sulla devastazione. Deve essere fermato. Finché ci saranno profitti garantiti che provengono da questo orribile sistema, non ci potrà essere una vera volontà di cambiarlo all’interno di un quadro capitalistico. Per questo motivo dobbiamo sollevarci come cittadini preoccupati e agire direttamente.

Le tensioni geopolitiche esistenti – che la crisi climatica non farà che aumentare – sono opportunità redditizie per il commercio di armi, che cerca di approfittarne. La lobby delle armi utilizzerà il suo potere per influenzare i circoli politici e far sì che i suoi interessi siano rispettati. Pertanto, il commercio di armi non solo partecipa attivamente al cambiamento climatico attraverso la sua massiccia impronta di carbonio, ma rappresenta un ostacolo diretto a una transizione verso un mondo più equo, basato su principi di ecologia e cooperazione.

Se vogliamo tentare di invertire l’impatto già devastante del cambiamento climatico e cercare giustizia per coloro che hanno già sofferto troppo dobbiamo fermare il commercio di armi.

Oggi agiamo per mettere un bastone tra le ruote all’industria delle armi, esprimere la nostra  solidarietà e sostenere tutti quelli che in tutto il mondo stanno soffrendo e lottando contro la violenza dell’occupazione e della guerra. Le bombe cadono altrove, ma sono costruite qui e dunque la nostra resistenza deve essere anche contro di esse”.

XR Peace è una coalizione di gruppi pacifisti che partecipano a Extinction Rebellion: Trident Ploughshares, CND, Scottish CND, CND Cymru, Stop the War, Women’s International League for Peace and Freedom, War Resisters International, Nukewatch, Edinburgh Peace & Justice Centre, Iona Community, Nipponzan Myohoji UK Peace Pagodas.

 

Categorie: Comunicati Stampa, Ecologia ed Ambiente, Europa, Pace e Disarmo
Tags: , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 10.11.19

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.