Abbiamo bisogno di un grande movimento popolare

09.09.2019 - Comune-info

Abbiamo bisogno di un grande movimento popolare
(Foto di Comune-info)

Il fuoco in Siberia e le devastazioni dell’Amazzonia di queste settimane dimostrano che il mondo è letteralmente in fiamme a causa della crisi climatica, provocata dallo stile di vita del 10 per cento della popolazione mondiale. “La politica è incapace di rispondere a una tale sfida… – scrive Alex Zanotelli – Solo un grande movimento popolare potrà forzare i governi a mettere al primo posto la crisi climatica…”. Da dove cominciare? Da un serio boicottaggio delle banche che finanziano petrolio e carbone. Intanto, i giovanissimi di Friday for future si preparano a una settimana mondiale di iniziative

Il problema più grave che attanaglia oggi l’umanità è la crisi climatica, che stenta però ad entrare nell’agenda dei nostri governi. Eppure i segnali del disastro in arrivo sono sotto gli occhi di tutti. Un’estate di fuoco come non mai con 20 gradi al polo Nord. In un solo giorno, in Groenlandia, dieci miliardi di tonnellate di ghiaccio sono diventate acqua. Sta bruciando l’Amazzonia, nei mesi estivi sono bruciate anche le foreste della Siberia. La nostra “casa comune” è letteralmente in fiamme. Questo grazie allo stile di vita del 10 per cento della popolazione mondiale che consuma a una velocità insostenibile il 90 per cento dei beni disponibili. Questa è una «apartheid climatica», perfino secondo l’Onu.

I paesi più poveri, infatti, sono responsabili di una piccola frazione (10 per cento) delle emissioni globali di anidride carbonica, mentre devono sopportare il 75 per cento dei costi della crisi climatica. Responsabile è il mondo dei ricchi (in larga parte la “tribù bianca”) dove trionfa l’estrema destra, per natura negazionista, perché non vuole mettere in discussione il proprio stile di vita. E questo stimola il diffondersi di risposte nazionaliste, xenofobe e razziste di fronte all’arrivo di profughi e rifugiati, frutto amaro di un ingiusto sistema economico-finanziario. Il messaggio è chiaro: o si cambia o si muore.

Purtroppo oggi la politica è incapace di rispondere a una tale sfida, cioè rimettere in discussione questo sistema economico-finanziario che è la causa della paurosa crisi climatica. La politica è oggi prigioniera delle banche e delle multinazionali. Solo un grande movimento popolare potrà forzare i governi a mettere al primo posto la crisi climatica. È quanto sta chiedendo con insistenza anche papa Francesco.

In Italia abbiamo tante belle realtà impegnate in difesa dell’ambiente ma non sono ancora diventate un movimento popolare. L’auspicio è che tutte le realtà di base (No Tav, No Triv, No Tap, Greenpeace, reti delle decrescita, Fridays for Future, Extinction Ribellion, Alleanza per il clima, Lega Ambiente, WWF…) riescano a confluire in un grande movimento che forzi il nuovo governo giallo-rosso a mettere la crisi climatica in cima all’agenda di governo. Il movimento dovrà forzare il nuovo governo a scelte precise: niente soldi pubblici alle fonti fossili, no alle trivellazioni, no alle grandi opere, no agli inceneritori; sì invece al solare e alla difesa del territorio. Per arrivare a questo servirà un serio boicottaggio di quelle banche che finanziano il petrolio e il carbone.

Questo movimento diventerà un fiume se anche le comunità cristiane e l’associazionismo cattolico vi aderiranno. Papa Francesco da tempo esorta a fare questo. Lo fa ora con un gesto clamoroso: un’“Assemblea speciale del Sinodo dei vescovi per l’intera regione panamazzonica”, che si terrà a Roma dal 6 al 27 ottobre. Il papa dalla Laudato Si’ e ora del sinodo sull’Amazzonia sta implorando le Chiese locali a impegnarsi nella difesa della casa comune. Non è concepibile che le comunità cristiane in Italia non prendano seriamente questo appello del papa a scendere in piazza.Tanto più che a mobilitarsi a livello mondiale sono soprattutto i giovani e i giovanissimi dei Fridays for Future che organizzeranno una intera settimana di azioni a favore dell’ambiente, che partirà il 20 settembre per poi concludersi il 27 con una manifestazione mondiale in tutte le piazze.

Giovani e adulti, laici e credenti uniti in un unico grande movimento potranno forzare finalmente anche il nuovo governo a dare priorità alla crisi climatica. Il tempo che abbiamo è breve. Per gli scienziati dell’Onu si tratta di undici anni. È questione di vita o di morte. Diamoci da fare perché vinca la vita.

Articolo di Alex Zanotelli

_____________

L’adesione di Alex Zanotelli alla campagna “Ricominciamo da 3“:

C’è bisogno di Comune [Alex Zanotelli]

È il tempo del dominio della finanza e delle devastazioni ambientali, nel quale coloro che vivono in alto utilizzano la propaganda razzista, e sempre più spesso anche le armi, per proteggere i propri privilegi. Abbiamo bisogno di gettare ogni giorno sabbia negli ingranaggi di quello che a Napoli chiamano “O Sistema”, fondato sull’arroganza del potere e sul denaro. Abbiamo bisogno di farlo dal basso e in tanti modi diversi. In questo cammino niente affatto agevole abbiamo bisogno di essere accompagnati da Comune.

Categorie: Ecologia ed Ambiente, Europa, Opinioni
Tags: , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.