Torino-Lione: la nostra resistenza difende il Pianeta

12.06.2019 - PresidioEuropa No TAV

Torino-Lione:  la nostra resistenza difende il Pianeta
(Foto di Giorgio Mancuso)

Il Coordinamento dei Comitati NOTAV, in risposta al tentativo di usare i risultati elettorali europei per affermare un indebolimento dell’opposizione alla Torino-Lione, ha ricordato che il movimento ha sempre dichiarato che “non esistono governi o partiti amici”.

L’impegno popolare per fermare il progetto e le pratiche di lotta e resistenza hanno da sempre costituito la forza principale del movimento no tav per fermare il progetto.

L’impegno nasce dalla consapevolezza di costruire una reazione, non sarà accettato un disastro ambientale e finanziario.

Il Coordinamento dei Comitati ha ribadito che il cambiamento climatico impone a tutti i decisori di prendere provvedimenti immediati per diminuire l’impatto del CO2 sul clima, occorre quindi arrestare il progetto Torino-Lione.

Gli illusori miglioramenti previsti fra 20/30 anni con la messa in esercizio di un inutile mega tunnel ferroviario sono stati demoliti dagli stessi proponenti della Torino-Lione che hanno ammesso gli errori di valutazione delle previsioni di traffico a sostegno della realizzazione del progetto.

Ricordiamo che il Regolamento europeo CEF in vigore (cfr. L’articolo 17, il diritto dell’Italia di abbandonare il progetto Torino-Lione) non obbliga gli Stati membri a portare avanti un progetto, ancorché in parte già finanziato dalla Ue come la Torino-Lione.

Ogni Governo ha l’obbligo di ascoltare le opposizioni popolari che propongono argomenti decisivi per la difesa del Pianeta e delle risorse economiche del nostro Paese e dell’Europa. Solo politiche responsabili democratiche e partecipative possono dare un futuro di benessere al Paese.

Hanno partecipato ai lavori del Coordinamento due membri dell’associazione francese Vivre et Agir en Maurienne André Duplan e Philippe Delhomme (vice-sindaco di Villarodin Bourget), che hanno illustrato la situazione dei lavori in Francia, geognostici di TELT finanziati dall’Italia al 50% e ferroviari di SNCF Rete. In Italia il cantiere della Maddalena è fermo, avendo già terminato lo scavo della galleria geognostica.

Essi hanno ricordato che i lavori della discenderia di soli 4 km situata sotto il Comune di Villarodin Bourget avevano provocato nel 2007 la perdita totale delle sorgenti di questo paese, causando gravi problemi all’agricoltura locale e alla vita dei residenti: la costruzione del tunnel di base arrecherà danni ancora più ingenti agli acquiferi.

Già sono state abbattute una ventina tra abitazioni e edifici industriali con la perdita di circa 50 posti di lavoro fissi contro gli attuali circa 400 addetti temporanei che lavorano nel tunnel, destinati a essere presto lasciati a casa.

Sono stati distrutti 4 ettari di foresta perché la zona sarà adibita a deposito di smarino, che già è stato stoccato in varie altre zone della valle, e sono previste altre opere che andranno a deturpare il paesaggio e importanti siti storici.

Il governo francese ha ammesso che la linea esistente da Digione a Modane è sufficiente e il trasporto merci verso l’Italia può essere incrementato a 15 milioni di tonnellate/anno (pari al traffico di 20 anni fa!) solo con ammodernamenti, mentre ha rinviato a dopo il 2038 ogni intervento sulla linea tra Lione, Chambéry e Modane. Parliamo allora di Torino-Digione e non più di Torino-Lione!

È stato ricordato che il Governo italiano ha permesso a TELT di dare inizio alla prima tappa del “lancio delle gare per la costruzione del tunnel di base”, ossia la selezione delle imprese.

Questa tappa si è già conclusa con la risposta di interesse di oltre cento imprese che ora attendono che TELT decida il 28 agosto 2019 quali imprese dispongono delle capacità tecniche e dell’esperienza richieste per scavare il tunnel di base.

Nell’attuale situazione di incertezza e ambiguità governativa contro la Torino-Lione, il processo dell’assegnazione dei lavori, strettamente nelle mani del promotore TELT, potrebbe proseguire in modo incontrollato e non più arrestabile, con probabili conseguenze economiche devastanti già in questa fase di preselezione delle imprese.

Ricordiamo che Marco Ponti ha più volte ricordato che l’ACB negativa della Torino-Lione tale rimane anche se la UE la finanziasse a fondo perso al 100%.

Sono al corrente i Governi che per dare inizio ai lavori del tunnel di base è necessario il rispetto  del prerequisito indicato all’art. 16 dell’Accordo di Roma del 2012, ossia la disponibilità di tutti i fondi italiani e francesi per costruire tutti i 57 km del tunnel?

La Commissione europea ha recentemente proposto di finanziare dal 2021 al 55% i lavori del tunnel, uno stimolo a realizzare il progetto viste la difficoltà della Francia che non ha stanziato alcun fondo e dell’Italia con il suo enorme debito su Pil. Ci auguriamo che il neoeletto Parlamento europeo possa bocciare questa decisione al momento di votare il Bilancio 2021-2027.

In conclusione si è deciso di tenere un collegamento più stretto per lo scambio di informazioni tra le due valli che si oppongono al progetto della Torino-Lione, mentre è prevista a breve un’azione comune di confronto e di lotta tra le popolazioni francesi e italiane contrarie alla Torino-Lione.

Categorie: Comunicati Stampa, Ecologia ed Ambiente, Europa
Tags: ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.