Il Kazakistan come l’Islanda nel 2008 dice basta ai salvataggi delle banche private

27.06.2019 - L'Antidiplomatico

Quest'articolo è disponibile anche in: Francese

Il Kazakistan come l’Islanda nel 2008 dice basta ai salvataggi delle banche private
(Foto di L'antidiplomatico)

Più di tre milioni di kazaki vedranno annullati i loro debiti, in quanto il programma di perdono dei prestiti è destinato a “persone che si trovano in circostanze di vita molto difficili”.

Il presidente kazako Kassym-Jomart Tokayev ha dichiarato che il suo nuovo governo smetterà di salvare le banche private e cancellerà i crediti inesigibili detenuti da circa il 30 per cento della popolazione del paese dell’Asia centrale.

“Il mio atteggiamento è che non ci dovrebbero essere salvataggi governativi” per i creditori, Tokayev, ha dichiarato a Bloomberg, aggiungendo che “il governo non dovrebbe più essere coinvolto, con i suoi prestiti per quanto riguarda le banche private”.

iù di tre milioni di kazaki vedranno annullati i loro debiti, in quanto il programma di perdono dei prestiti è rivolto a “persone che si trovano in circostanze di vita molto difficili”, ha aggiunto Tokayev. Debiti per persona che ammontano in media a circa 300.000 tenges (790 dollari), anche se in totale il governo avrà bisogno di “un po’ meno di 1 miliardo di dollari”.

Il paese centro-asiatico ha dovuto affrontare una crisi durata un decennio in cui il governo ha pompato almeno 18 miliardi di dollari in banche private per impedire il collasso del settore.

Il decreto ufficiale diffuso nella giornata di mercoledì ha inoltre ordinato alle autorità di inasprire i regolamenti sui prestiti al dettaglio non garantiti per evitare che più persone finiscano nelle trappole del debito.Questo annuncio segna la prima importante politica di Tokayev da quando ha assunto il potere il 9 giugno dopo che il leader di lunga data Nursultan Nazarbayev si è dimesso a marzo. Dopo il trasferimento del potere, il governo di Tokayev ha affrontato proteste diffuse, così tanti critici affermano che questa nuova politica è simile a quella fatta dal partito di governo della Georgia, che ha annunciato la cancellazione di prestiti per 600.000 persone giorni prima di un’accesa elezione presidenziale a novembre.

“Non stiamo seguendo l’esempio della Georgia, questo è un caso diverso”, incentrato sui cittadini più poveri, Tokayev ha puntualizzato di fronte alle critiche.

Un altro governo che decise di non salvare le banche private fu l’Islanda. Nel 2008, dopo la crisi finanziaria globale, il governo islandese decise di concedere alle tre maggiori banche del paese Glitnir, Kaupthing e Landsbankinn l’insolvenza sugli 85 miliardi di dollari di debito accumulato.

Il paese ha quindi protetto i conti dei depositi islandesi nelle banche e ha perdonato debiti per un quarto della popolazione, in particolare il debito dei proprietari di case che rappresentava fino al 110% del valore della proprietà. Il risultato fu il “miracolo islandese”, poiché in meno di quattro anni l’economia si riprese e iniziò a crescere anche più velocemente di quella degli Stati Uniti o delle nazioni europee.

Fonte: teleSUR
Categorie: Asia, Economia, Politica
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 22.01.20

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

Chiudiamo le pagine di chi spegne i sorrisi

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.