Milano, proiezione del documentario “Aborto: le nuove crociate”

23.03.2019 - Redazione Italia

Milano, proiezione del documentario “Aborto: le nuove crociate”
(Foto di https://www.facebook.com/events/1152612754914818/)

Lunedì 25 marzo 2019 dalle 20,30 alle 23

Casa della Memoria, via Confalonieri 14, Milano

Organizzato da Non Una Di Meno – Milano e Casa della Memoria Milano

Verso 29/30/31 marzo: Verona Città Transfemminista
un’occasione per discutere delle reti reazionarie che daranno vita al World Congress of Families.

Nello scenario dei recenti pesanti attacchi alla Legge 194 – come la mozione per fondi pro-life approvata a Verona e i tentativi analoghi in altre città, tra cui Milano – Non Una di Meno presenta in Italia un documentario della TV franco-tedesca Arté che svela i collegamenti tra le dimensioni nazionali e l’offensiva più ampia in corso in Europa, coordinata da una vera e propria lobby europarlamentare.

“I crociati anti-abortisti sono in guerra”, avverte la voce fuori campo: l’oggetto da difendere non è più la tomba di Cristo, ma il sepolcro di embrioni abortiti. L’inchiesta, prodotta da Arté nel 2017, racconta di ciò che avviene in Spagna, Portogallo, Ungheria, Polonia e Italia, oltre che in Francia e svela il dietro le quinte della lobby internazionale anti-abortista, dagli Stati Uniti alla Russia.

“Aborto: Le Nuove Crociate” (titolo originale “Avortement – Les Croisés Contre Attaquent”) è un film di 52 minuti delle registe Alexandra Jousset e Andrea Rawlins-Gaston, in lingua originale con sottotitoli in italiano.

Queste lobby e movimenti reazionari vogliono tra l’altro limitare i finanziamenti dell’Unione Europea per la contraccezione e l’aborto sicuro nei paesi in via di sviluppo. Il film svela una “guerra” frontale, nell’arena mediatica e politica, condotta attraverso nuove retoriche (dai diritti umani all’ecologia), ma anche un’operazione più ampia che si svolge in silenzio, organizzata oltre i confini nazionali.

Questa guerra, che vuole riportare indietro i diritti delle donne, va combattuta e Non Una di Meno ha un Piano per ottenere la piena autodeterminazione delle donne. In merito all’aborto e all’obiezione di coscienza la posizione è chiara: “L’obiezione di coscienza nel servizio sanitario nazionale è illegittima perché lede il diritto all’autodeterminazione delle donne. Per questo vogliamo il pieno accesso a tutte le tecniche abortive (chirurgiche e farmacologiche) per tutte le donne (native e migranti) che e fanno richiesta.”

Non Una di Meno Milano | nonunadimenomilano@gmail.com |

Sito: nonunadimenomilanoblog.wordpress.com/

Fb: nonunadimenomilano | Instagram: nonunadimeno

Casa della Memoria è uno spazio pubblico aperto alla città che ospita iniziative e conferenze ed è aperto tutti i giorni agli abitanti del quartiere, agli studenti delle scuole e a tutti i milanesi. L’istituzione è dedicata ai valori di libertà e democrazia che fondano il nostro vivere civile, è un monumento in omaggio a chi ha lottato contro il nazifascismo, alle vittime del terrorismo e delle stragi del secondo ‘900.

 

Categorie: Cultura e Media, Genere e femminismi, Internazionale
Tags: , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.