TAV Torino-Lione, asimmetria dei costi tra Italia e Francia

14.12.2018 - Redazione Italia

TAV Torino-Lione, asimmetria dei costi tra Italia e Francia
(Foto di Giorgio Mancuso)

L’Italia scelse nel 2004 di finanziare la Francia per la costruzione del tunnel di base della nuova linea Torino-Lione, accettando di sostenere il 63% di tutti i costi del tunnel di base.

Berlusconi incontrò infatti a Parigi il 5 maggio 2004 il Primo Ministro francese Raffarin e in quella circostanza i ministri dei Trasporti Pietro Lunardi e Gilles de Robien firmarono l’Accordo, definito Memorandum di intesa tra l’Italia e la Francia sulla realizzazione del nuovo collegamento ferroviario Torino-Lione che stabiliva che il costo del tunnel sarebbe stato addebitato all’Italia per il 63%. Ercole Incalza era capo della struttura tecnica di missione del Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti e ha dimostrato anche in quel frangente la sua abilità di servire a rovescio gli interessi dei contribuenti italiani.

Tale ripartizione asimmetrica dei costi fu presentata a quell’epoca come la contropartita del maggiore esborso della Francia che si era impegnata a costruire a sue spese due ulteriori gallerie per 33 chilometri (Belledonne e Glandon) sul suo territorio mentre l’Italia ne avrebbe costruita una sola (Orsiera, di 18 chilometri) sul tracciato nazionale. L’Italia e la Francia hanno da anni e unilateralmente deciso di non realizzare queste gallerie perché troppo costose, confermando ulteriormente l’inutilità della Torino-Lione che si ridurrebbe ad essere un tunnel ferroviario AV/AC a servizio di una linea ferroviaria standard.

Questo Memorandum è stato nascosto ai cittadini e non è presente negli archivi del MIT e del Ministero francese dei Trasporti,

Il 27 settembre 2011 è stato firmato a Parigi da Thierry Mariani, ministro incaricato dei Trasporti e Altero Matteoli, ministro del MIT italiano un altro Accordo che ha leggermente modificato le percentuali del Memorandum del 2004: Italia 57,9% e Francia 42,1%.

L’Accordo del 2011 non è stato citato nei “considerato” dell’Accordo di Roma del 30.1.2012 (Art. 18) che ha confermato la nuova e asimmetrica ripartizione dei costi tra Italia e Francia (57,9% e 42,1%).

Anche questo “Accordo” è stato nascosto ai cittadini, non è presente negli archivi del MIT e del Ministero francese dei Trasporti.

La galleria sarà lunga 57,5 chilometri dei quali 45 di proprietà francese e 12,5 di proprietà italiana. Di fronte alla proprietà del 21%, l’Italia dovrebbe pagare circa il 58% di tutti i costi.

Il risultato della “sottomissione” dell’Italia alla Francia produrrebbe, se fosse scavato il Tunnel di base, un esborso di risorse pubbliche italiane di oltre € 2,2 miliardi a favore della Francia.

Categorie: Comunicati Stampa, Economia, Europa
Tags:

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Search

Racconti della Resistenza

Racconti della Resistenza

Il canale Instagram di Pressenza

Catalogo dei Documentari

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.