Che la coscienza collettiva si mobiliti per liberare l’umanità dall’incubo della minaccia nucleare.

Le donne di WILPF Italia (Women’s International League for Peace and Freedom) auspicano che le celebrazioni delle due ricorrenze che hanno tragicamente segnato l’inizio dell’epoca nucleare possano alimentare un profondo “desiderio” collettivo di eliminare le orribili armi, definite dalle Nazioni Unite“un crimine verso l’umanità”.

Esprimiamo la nostra vicinanza alle indicibili sofferenze degli Hibakusha e delle vittime dei test nucleari, con l’apprezzamento per l’indomito coraggio a renderne testimonianza imperitura.

Auspichiamo una sempre maggiore coesione tra i movimenti antinucleari e dunque la loro forza di pressione sui governi detentori di armi nucleari e i loro alleati. E urgente uscire dalla logica della deterrenza e intraprendere un cammino comune rivolto a contrastare la minaccia nucleare, pericolosamente intrecciata alla minaccia climatica e alla minaccia dell’ingiustizia sociale.

Auspichiamo che sI accelerino i tempi della ratifica del Trattato ONU per la messa al bando delle armi nucleari , anche da parte dell’Italia

IL CORAGGIO DELLE DONNE DI OPPORSI ALLA GUERRA E ALLA VIOLENZA

SAPRA’ CONFIGURARE

NUOVI ORIZZONTI PER L’UMANITA’

Le donne di WILPF Italia