Difendere la libertà di stampa: La lotta continua

13.06.2018 - Manila, Filippine - Karina Lagdameo Santillan

Quest'articolo è disponibile anche in: Inglese, Greco

Difendere la libertà di stampa: La lotta continua
(Foto di LeAnne Jazul/Rappler)

Maria Ressa, Executive Editor e CEO dell’agenzia filippina di stampa online Rappler, ha ricevuto lo scorso 7 giugno, in Portogallo, il Premio Golden Pen of Freedom dalla World Association of Newspapers and News Publishers (WAN-IFRA). Rete globale di editori di notizie la cui missione è “proteggere i diritti dei giornalisti di tutto il mondo ad operare con mezzi di comunicazione liberi”, la Golden Pen of Freedom mira a “puntare i riflettori dell’opinione pubblica sui governi repressivi e sui giornalisti che li combattono”.

Rappler è stata sotto attacco per aver riferito della sanguinosa guerra alla droga dell’attuale amministrazione, delle violazioni dei diritti umani e di altre controversie. La sua licenza d’esercizio è stata revocata dalla SEC e tenuta in sospeso; i suoi giornalisti non hanno potuto ricevere notizie dal Palazzo Malacanang e da altri eventi ufficiali, e il suo personale è stato sottoposto a quella che sembra essere una campagna organizzata di molestie e minacce online. Numerose inchieste e procedimenti giudiziari condotti da agenzie governative esercitano una pressione eccessiva sulla sua gestione e sul suo personale.

Nel suo discorso di accettazione, Maria Ressa ha detto: “…questo premio va oltre Rappler…. perché va a tutti i giornalisti filippini che cercano di fare il nostro lavoro. Voglio lanciare un appello speciale agli uomini e alle donne all’interno del governo filippino – perché le vostre scelte, ogni compromesso che farete, determineranno il futuro della nostra nazione”. Questo è per tutti i filippini che continuano a lottare per i nostri valori – per difendere lo stato di diritto e per #difenderelalibertàdistampa! Ecco il testo integrale del suo discorso di accettazione:

David, WAN-IFRA, colleghi giornalisti, grazie.

Non sai davvero chi sei fino a quando non sei costretto a combattere per difenderlo.

Ogni battaglia che vinci o perdi… ogni compromesso che scegli di fare… o da cui ti allontani… tutte queste lotte definiscono i valori che vivi e, in ultima analisi, chi sei.

Noi di Rappler abbiamo deciso che, se dovessimo guardare indietro a questo momento, tra dieci anni, vorremmo vedere che abbiamo fatto tutto il possibile: non ci siamo rintanati, non ci siamo nascosti.

Negli ultimi due anni abbiamo combattuto l’impunità su due fronti:

  • il nostro governo, che sta cambiando radicalmente la nostra Costituzione e il nostro stile di vita a partire da una brutale guerra alla droga;
  • e Facebook , di cui conosciamo il meglio e il peggio: ha permesso la rapida crescita di Rappler e più tardi è diventato anche il campo di battaglia per l’odio online sponsorizzato dallo stato per mettere a tacere le voci critiche e – per dirla con le parole di David – per “occupare” lo spazio pubblico.

Sull’impunità del governo:

Lo scorso dicembre, la polizia nazionale filippina ha annunciato che nella guerra alla droga quasi 4.000 persone sono state uccise nelle operazioni di polizia e che più di 16.000 altre morti sono andate “sotto inchiesta”. Si tratta di oltre 20.000 persone uccise in poco più di un anno e 4 mesi. Confrontate il dato con quello di 3.240 persone uccise durante la Legge Marziale dal 1972 al 1981.

Perché non lo sai?

Perché nei primi 3 mesi della guerra alla droga, quando i giornalisti hanno cercato di riportare i dati sulle vittime, il governo li ha subito cambiati – tagliando e spezzettando persone e numeri, chiedendoci di riportare solo quello che dicevano. Allo stesso tempo, i giornalisti sono stati maltrattati e soggiogati da attacchi implacabili, organizzati su Facebook.

Quel bilancio di vittime è stato la prima testimonianza di una guerra per la verità.

Quando una menzogna viene ripetuta 10 volte, la Verità ha la possibilità di recuperare il ritardo… ma quando viene ripetuta un milione di volte, diventa la Verità – soprattutto quando è sostenuta dall’odio online sponsorizzato dallo stato che sfrutta le spaccature della società.

Sull’impunità di Facebook: ecco un esempio di come la piattaforma è stata usata per capovolgere il nostro mondo.

A differenza dell’Occidente, i sondaggi hanno dimostrato che, nelle Filippine, i giornalisti godevano di fiducia soprattutto perché le nostre deboli istituzioni e la politica del clientelismo facevano sì che le persone invocassero la giustizia attraverso i gruppi di informazione. Le nostre storie hanno fatto la differenza.

Nel gennaio di quest’anno, il Pew Research Center ha pubblicato il suo sondaggio sul mondo reale, dove le Filippine erano il numero due a livello mondiale in termini di fiducia nei media tradizionali: L’86% degli intervistati ha dichiarato di ritenere i media tradizionali “equi e accurati”. Questo è in contrasto con EON, la versione locale dell’indagine Trust di Edelman, che ha mostrato che tra quelli che usano i social media, l’83% ha dichiarato di avere una percezione negativa dei media tradizionali.

Questa rapida reingegnerizzazione della realtà è avvenuta su Facebook, dove gli strumenti della nostra professione sono stati rivolti contro di noi per incitare all’odio, creare nemici di paglia, costruire realtà alternative.

La libertà di parola ha soffocato la libertà di parola, creando una spirale di silenzio dall’agosto 2016 all’agosto 2017, quando l’uccisione di 3 adolescenti nella guerra alla droga ha svegliato la nostra nazione.

Questa propaganda sui social media non era finalizzata solo a fuorviare i nostri cittadini. L’obiettivo era quello di sopraffare e attaccare i giornalisti a un livello psicologico più profondo e più dannoso. Si tratta di una nuova minaccia.

Dove in passato si veniva gettati in prigione, ora, la prigione è dentro le mura di Facebook… e nella nostra testa. La conquista ora significa affrontare le nostre paure individuali – e indipendentemente da ciò che percepiamo come un impatto sulla nostra reputazione, sulle nostre comunità, dobbiamo trovare il coraggio di riferire ciò che vediamo.

Questo non sta accadendo solo nelle Filippine.

Secondo Freedom House, in almeno 30 dei 65 paesi che ha studiato, gli eserciti a basso costo sui social media stanno facendo regredire la democrazia a livello globale. In India, Sud Africa, Messico accade su Twitter; in altri paesi, su WhatsApp. Le piattaforme dei social media sono ora strumenti di scelta per il governo autoritario.

I dati che abbiamo raccolto da Facebook mostrano che le donne sopportano il peso di questi attacchi, molti sessuali, finalizzati a spogliarci della nostra dignità e a spingerci verso la sottomissione.

Allora, come possiamo sopravvivere? Dobbiamo trovare delle soluzioni.

A lungo termine, è l’educazione. A medio termine, l’alfabetizzazione mediatica. Nel breve termine, il giornalismo investigativo, e in questo momento, dal momento che i nuovi guardiani sono aziende americane di tecnologia (l’ironia), che detengono il potere di portare verso destra il nostro mondo.

Rappler sta quindi lavorando attivamente con Facebook. Ai miei amici e alle altre piattaforme di social media, chiedo di abbandonare il colonialismo tecnologico. Ricorda che ogni giorno che non agisci nel sud del mondo significa FAR MORIRE PERSONE.

Quando il potere, il denaro e la paura si uniscono, significa che il buon giornalismo è un cattivo affare. Dopo che Rappler ha raggiunto un EBITDA positivo due anni fa, gli attacchi del governo hanno portato Rappler a un periodo di crisi esistenziale, ma siamo determinati a sopravvivere. Quindi, per favore, aiutateci ad attraversare la valle della morte e unitevi al nostro sforzo di crowdfunding su rappler.com/support.

Grazie, WAN-IFRA, per il vostro supporto. E’ una battaglia globale che dobbiamo vincere.

Agli uomini e le donne di Rappler dico: questo è il frutto del vostro coraggio. Voi continuate ad ispirarmi.

Il mio cuore si spezza quando guardo a ciò con cui i nostri giovani reporter e collaboratori devono convivere – e al coraggio che dimostrano di fronte alla forza bruta e all’impunità… al rispetto che continuano a provare verso le autorità, agli incubi che combattono di notte, alla missione che vive dentro di loro.

Ma questo premio va anche oltre Rappler. E’ per i giornalisti filippini presenti in platea, che desidero si alzino in piedi. Questo è per tutti i giornalisti filippini che cercano solo di fare il loro lavoro.

Ora, in questo video di un minuto e mezzo, vedrete altri giornalisti filippini, tra cui il nostro reporter Pia Ranada, una ragazza esile che ha chiesto rispettosamente dei chiarimenti a Duterte… ed è stata bandita dal Palazzo.

La penna d’oro per la libertà va anche oltre i giornalisti nell’era dei social media. Quindi questo premio è anche per i filippini che stanno facendo resistenza – e ci sono molti là fuori che ricevono gli stessi tipi di minacce, combattendo.

E voglio lanciare un appello speciale agli uomini e alle donne all’interno del governo filippino – perché le vostre scelte, ogni compromesso che farete, determineranno il futuro della nostra nazione.

Questo è per tutti i filippini che continuano a lottare per i nostri valori – per difendere lo stato di diritto e per #DefendPressFreedom!

Discorso di accettazione ristampato con il permesso di Rappler.

Link: https://www.rappler.com/about-rappler/about-us/204306-david-callaway-speech-maria-ressa-wan-ifra-golden-pen-freedom-award-2018

 

Traduzione dall’inglese di Annalaura Erroi

 

Categorie: Asia, Cultura e Media, Internazionale
Tags: ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


App Pressenza

App Pressenza

Diritti all'informAZIONE

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.