Provincia di Viterbo chiede proroga della moratoria sulla geotermia

07.02.2018 - Redazione Italia

Provincia di Viterbo chiede proroga della moratoria sulla geotermia

Grande partecipazione alla conferenza di Latera del 3 febbraio scorso. La provincia di Viterbo chiede alla Regione Lazio di allungare la proroga della moratoria verso i progetti geotermici.

Sabato 3 febbraio alle ore 16,00 si è tenuta presso il Comune di Latera la quarta di una serie di conferenze tecniche organizzate dalla Rete Nazionale NOGESI (No geotermia elettrica speculativa ed inquinante) che ha visto la partecipazione di numerosi cittadini di Latera e dei territori limitrofi, di Comitati contrari alla geotermia, di Sindaci aderenti al Coordinamento della Tuscia contro la geotermia, parlamentari e membri del Consiglio Regionale del Lazio.

L’evento ha dato voce ad esperti del settore che hanno riportato dati scientifici che dimostrano chiaramente quanto l’energia geotermica sia pericolosa per la salute pubblica e per l’ambiente e per offrire alla popolazione un quadro chiaro dell’impatto che le centrali geotermiche, sia quella proposta da ENEL GREEN POWER sia quella proposta dalla soc. Latera Sviluppo SRL, avrebbero su Latera e i paesi limitrofi.

Durante la conferenza è stata data notizia della recentissima approvazione all’unanimità dell’ordine del giorno del Consiglio Provinciale di Viterbo indirizzato alla Regione Lazio circa la “richiesta di proroga della sospensione dei procedimenti regionali in materia di rilascio dei permessi di ricerca e sfruttamento delle risorse geotermiche nella Regione” non essendo ancora stata redatta la Carta idro-geo-termica regionale delle aree e dei siti non idonei alla realizzazione di impianti di ricerca e sfruttamento della risorsa geotermica.

Il territorio ha una vocazione agricola, turistica, ricettiva e chi viene a visitare questi luoghi resta affascinato dall’accoglienza di un paese che conserva quasi intatto il proprio patrimonio storico, naturalistico, paesaggistico ed esprime tradizioni popolari di un innegabile fascino.

Lungo le pareti della sala in cui si è tenuta la conferenza è stata allestita una mostra fotografica che ha offerto uno spaccato di ciò che ha rappresentato per Latera e per il territorio l’avviamento della vecchia centrale geotermica avvenuto nel 1999. L’immenso edificio in disuso, mai smantellato, e km di tubi abbandonati che emergono dal verde si stagliano sullo sfondo di un lussureggiante paesaggio fatto di boschi, terreni agricoli e pascoli. Foto di una popolazione determinata che manifesta per difendere i propri figli da un’aria irrespirabile, per difendere le proprie attività economiche compromesse dall’immissione in atmosfera di tonnellate di sostanze inquinanti e maleodoranti.

Numerosi sono stati gli interventi dei partecipanti all’incontro, dai cittadini che cercavano di chiarire dubbi circa il possibile impatto sulle falde acquifere agli interventi dei comitati no geotermia, le semplici esperienze di persone che hanno guidato in passato le lotte per ottenere la chiusura della centrale Enel Green Power, i politici e gli amministratori provinciali e comunali che in questo momento stanno lottando perché non si ripeta lo stesso sbaglio.

Comitato per la tutela della salute  dell’ambiente di Latera

Rete Nazionale NOGESI

 

Categorie: Comunicati Stampa, Ecologia ed Ambiente, Europa
Tags: , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


App Pressenza

App Pressenza

Diritti all'informAZIONE

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.