Co-mai e AMSI replicano a Salvini: “No agli attacchi indiscriminati all’ Islam e alle strumentalizzazioni politiche dell’ immigrazione”

10.02.2018 - Co-mai Comunità del Mondo Arabo in Italia

Co-mai e AMSI replicano a Salvini: “No agli attacchi indiscriminati all’ Islam e alle strumentalizzazioni politiche dell’ immigrazione”

“Con un manifesto Co-mai siamo stati i primi a dire ‘no’ alle moschee e imam fai-da-te, ‘sì’ alla preghiera in lingua italiana il venerdì e alla collaborazione del mondo islamico con le istituzioni italiane per un patto duraturo. Non servono sterili strumentalizzazioni politiche”. Così Foad Aodi, presidente delle Comunità del Mondo Arabo in Italia (Co-mai) e dell’Associazione Medici d’origine Straniera in Italia (Amsi) risponde alle dichiarazioni di Matteo Salvini, uscite ultimamente sulla stampa, secondo cui l’Islam sarebbe ” incompatibile con i nostri valori, la nostra libertà, la nostra Costituzione”.

“Siamo indignati e offesi dagli attacchi all’Islam e alla cultura del mondo arabo”, commenta Aodi; “attacchi che giungono da certa politica, il cui intento è solo isolare l’Italia dal resto del mondo”.

“Molti di noi sono arrivati in Italia da giovani per studiare e lavorare, mossi dall’amore verso la cultura, l’università, la civiltà, lo sport di questo Paese. Siamo, negli anni, diventati anche ambasciatori della cultura e della democrazia italiana nei nostri Paesi d’origine. Non saranno certo Salvini o politici simili a interrompere il dialogo che c’è tra l’ Italia e i Paesi arabi, euromediterranei e africani”, aggiunge Aodi: annunciando, a nome delle Comunità arabe e musulmane e della Rete della Diaspora Africana Nera in Italia, “un prossimo manifesto, “Uniti nei colori”, per rispondere al continuo attacco strumentale a fini elettorali”. “Invece di parlare di immigrazione e integrazione come temi spariti dai programmi elettorali -conclude- si finisce per attaccare chi in questo Paese si è integrato, studia, lavora e produce reddito”.

Probabilmente, aggiungiamo, le forze politiche che lanciano attacchi del genere vogliono imitare maldestramente l’amministrazione Trump dei primi mesi : dimenticando che negli stessi USA, gran parte del Paese s’è levata a condannare le politiche aprioristicamente antimusulmani, ricordando al presidente che gran parte del PIL e del buon funzionamento dei servizi pubblici ( quel poco che è rimasto dopo decenni di deregulation reaganian-bushiana e mesi di “correzione” trumpiana delle riforme di Obama) e privati USA dipende proprio dal quotidiano apporto di tantissimi lavoratori dipendenti e professionisti immigrati, in passato, dai Paesi islamici.

Fabrizio Federici

Categorie: Comunicati Stampa, Europa, Non discriminazione
Tags: , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


App Pressenza

App Pressenza

Diritti all'informAZIONE

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.