Così il Blog di Grillo cancella la sua memoria

24.01.2018 - Marco Piccinelli

Così il Blog di Grillo cancella la sua memoria
La notizia, chiamiamola così, che ieri più rimbalzava negli aggiornamenti dei siti web delle testate giornalistiche italiane è il restyling del «Blog di Beppe Grillo», emanazione della società unipersonale «Beppe Grillo srls». La notizia, oggi, è anche finita sulla quasi totalità delle testate giornalistiche nazionali e locali. Di per sé non sarebbe una grande notizia, anche perché di fatto non lo è. Tuttavia è bene soffermarsi su un aspetto di questo cambiamento.
Internet?
Il Beppe-nazionale non è nuovo a stravolgimenti o cambiamenti o anche menzogne dal punto di vista internettiano e tecnologico, il suo nuovo portale rispecchia fedelmente questa sua tendenza: eloquio, anche fuori luogo, di cose tecnologiche, spesso sconnesse fra di loro, che dovrebbero evocare un futuro possibile e immaginabile nei confronti dell’ascoltatore/lettore. Non solo post, infatti: torneranno ad essere presenti i video, come i bei vecchi tempi del blog gestito da Gianroberto Casaleggio, ma caricati su YouTube e non sulla piattaforma interna del sito.
Grillo parla di tecnologie, di “mondi possibili”, di cose, come detto prima, spesso indefinite ma è molto catchy, come direbbero gli anglosassoni. Sa ammaliare l’ascoltatore e lo fa rimanere incollato sullo schermo, come quando si mise una maschera che lo invecchiava ancor di più, un camice bianco e una telecamera lo seguiva mentre ispezionava vetrini al microscopio all’interno di un laboratorio: «È il 2050 – diceva – il Movimento è al Governo: non esiste più l’Euro, il reddito di cittadinanza è una realtà, esistono solo energie alternative». La retorica del mondo futuribile, sulle cui basi c’è il più totale silenzio di tomba, è quello che fa di Grillo un narratore-web discretamente credibile nell’ambito del medium utilizzato da chi ascolta, che sia uno smartphone, un tablet o un computer.
Un po’ come accadde qualche tempo fa, nel 2012, quando nel video denominato «Sequestro dei beni ai politici», Grillo se ne uscì affermando come si stava mettendo a punto «un algoritmo (!), l’SVG4 (!!!!),  di out e crowdsourcing (!!!!!!!)» che permetteva di «intensificare e intersecare i dati delle banche mondiali» e dei politici che frodano «in modo tale che non è che questa gente dice “vado via, mi dimetto”, e basta. […] Quindi metteremo a punto questo algoritmo, vi ripeto che è un cross-checking, in modo da controllare il loro 740 all’inizio e quello in corso».
Grillo pigiava tasti, chiamava il programma «Zip war Airganon», che sembra più un’arma usata dai Digimon o dai Gormiti.
Grillo pigiava lo schermo del tablet (che all’epoca avrà avuto massimo 512 mb o 1gb di memoria) affermando e declamando le potenzialità dello «Zip War AirGanon», si tradisce tossicchiando a fine video e «Il Foglio», in un articolo del 2017, riprende l’episodio scrivendo della «quantità di supercazzole che inanella» il nostro.

«In un video del 2012, si divertiva con uno sproloquio su un programma per sequestrare i beni ai politici “Il Zip War AirGanon è questo software che (magistrale colpo di tosse per camuffare la risata) ci garantirà sia l’anonimato che la presenza dell’ufficiale giudiziario. Per ora è tutto, vi terremo informati, grazie”. Una grandiosa presa in giro».

La memoria cancellata del blog
Il Grillo odierno, quello del nuovo blog, che tutti dicono essere rinnovato (sito e uomo) dati i dissidi con Casaleggio e col Movimento, è lo stesso di prima e, anzi, cancella quanto fatto precedentemente.

foto 1 – cliccare sull’immagine
per ingrandire

Il blog, fino a poco tempo fa, aveva questa veste grafica (foto1): era il sito di riferimento dell’area politica del Movimento 5 Stelle. O, per dirla con uno slogan caro ai pentastellati, un megafono del Movimento.
Un portale, mettiamola così, in cui venivano gestite le votazioni, ci si poteva registrare, commentare gli articoli e gli interventi tanto dei parlamentari e senatori, quanto di Grillo stesso: era la fucìna del Movimento 5 Stelle, la base di partenza per tutta una serie di rimandi ai portali, blog e siti locali che animavano la nascente forza politica. Il nuovo portale è un «blog di viaggi, ma anche no» secondo Grillo, una cosa diversa ma in sostanza sempre uguale che ospiterà «interviste, interventi, visite ai congressi e fiere scientifiche» come quello che campeggia in prima pagina, di un Grillo casual a Barcellona mentre parla di smart cities.

Internet, però, è una costruzione effimera: l’essere umano pensa che sia immutabile e che rimarrà nel tempo, quante volte abbiamo sentito dire ai politici o anche ai vicini di casa, parlando di questo o quell’argomento: «tanto sta su internet» oppure «è disponibile su internet gratuitamente»?
Internet è governato dall’uomo e l’uomo è la creatura più corrotta e imperfetta sulla Terra, sotto Natale – ad esempio – il sito della SS Lazio, la società di calcio, andò in down per qualche ora e non fu più rintracciabile perché qualcuno s’era dimenticato di pagare il server.
Una svista umana che avrebbe fatto perdere tutto il contenuto presente nel sito, se non si fosse rinnovato per tempo o se non si fossero fatte copie di backup. Non vorrei addentrarmi nel tecnico, dunque, ecco qui il fattaccio.

L’esempio di ricerca

foto 2 – cliccare sull’immagine
per ingrandire

Nel [precedente] blog di Grillo erano contenute tutte le votazioni, le dichiarazioni, le prese di posizione del Movimento e i video più influenti del comico/politico in questione: nel nuovo blog tutto questo scompare. Se nell’apposita barra di ricerca indicata dalla lente d’ingrandimento si digitasse «elezioni europee 2014» il risultato che verrebbe fuori sarebbe questo (foto 2 e 3): gli articoli ci sarebbero anche, ma non sono rintracciabili. Semplicemente, non ci sono più. Nelle foto ho fatto una prova di ricerca digitanto, per l’appunto, elezioni europee 2014 perché, in quei giorni, avevo scritto un articolo per «Controlacrisi» riguardo le votazioni sul blog di Grillo riguardo l’adesione all’EFD da parte del Movimento 5 Stelle. Nel nuovo blog cercavo di ripescare quell’articolo ma il risultato è che è scomparso: Errore 404, pagina non trovata. Insomma, assente. Il blog di riferimento, ora, è «Il blog delle stelle» il quale, riprendendo

foto 3 – cliccare sull’immagine
per ingrandire

anche la dicitura del precedente portale-unico <www.beppegrillo.it> («il primo magazine solo online»), non contiene affatto tutti gli articoli pubblicati in precedenza.
Ma questo l’utente inconsapevole non lo sa. Cerca sul blog di Grillo, se non lo trova non sa dove andare, né è indicato un rimando sul nuovo portale.

1984 silenzioso
Ci si sta avviando, silenziosamente e senza che nessuno se ne accorga, ad un 1984 di orwelliana memoria, in cui si mantiene il passato che più piace e quello che si vuol dimenticare lo si cancella senza troppi problemi. Questo comporterà, a lungo andare, una serie infinita di problemi e di questioni; nessuna risposta e molte domande che resteranno aperte. La questione della memoria digitale è un fatto primario tanto per il mantenimento e la diffusione della conoscenza, quanto per la ricostruzione della storia, che sia più completa e organica possibile. Si arriverà al punto da avere conservate pergamene medievali e non, ad esempio, dei files di questo o quel sito online, magari anche di rilevanza strategica per il Paese, che ha aperto e chiuso nel giro di poco. Su quali fonti si baseranno le future generazioni di storici, giornalisti etc etc che nasceranno nei prossimi anni? La domanda resta appesa, anche se, tempo fa, scherzandoci un poco, avevo già iniziato a trattare questa questione (leggi qui: https://goo.gl/FjCYGa), solo che le fonti di quel periodo (DDR/Guerra Fredda) storico ci sono.
Cosa rimarrà dei nostri giorni?

Categorie: Opinioni, Scienza e Tecnologia
Tags: , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Diritti all'informAZIONE

Video presentation: What Pressenza is...

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Stop Fiscal Compact: firma la petizione!

Stop Fiscal Compact: firma la petizione!

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.