PROTEGGIAMO LA REPUBBLICA NATA DALLA RESISTENZA

Impediamo ai fascisti l’ingresso nelle istituzioni.

I comitati romani dell’A.N.P.I. – Associazione Nazionale dei Partigiani d’Italia, della F.I.A.P. – Federazione Italiana delle Associazioni Partigiane, dell’A.N.P.P.I.A. – Associazione Nazionale dei Perseguitati Politici Italiani Antifascisti, dell’A.N.E.D. – Associazione Nazionale Ex Deportati nei campi nazisti, dell’A.N.E.I. – Associazione Nazionale Ex Internati ed il Circolo di tradizione orale Gianni Bosio, avvertono oggi la necessità di vigilare e proteggere la nostra democrazia, e quei presìdi che nel tempo abbiamo costruito, dal diffondersi di movimenti di stampo dichiaratamente neofascista o neonazista.

Occorre una grande, collettiva, azione per contrastare un fenomeno che non può essere tollerato, in un Paese che ha subìto vent’anni di dittatura fascista, ha subìto l’autoritarismo e la discriminazione razziale nelle forme più odiose e violente. Una parte fondamentale della suddetta azione deve essere costituita, necessariamente, dall’esclusione dal confronto elettorale di tutti quei gruppi e movimenti politici che sono chiara espressione di un’ideologia in aperto contrasto con i principi costituzionali.

Se, infatti, si ammettono liste neo-fasciste alle elezioni, si avvalora l’idea che sarebbe legittima una gestione della cosa pubblica improntata a tali idee. In tal modo, indirettamente, si legittima l’esistenza di un rinato movimento dai tratti fascisteggianti. In sostanza, non è rilevante che poi tali liste siano o meno idonee a conquistare effettivamente il consenso elettorale. Ciò che più conta è ribadire che, pur in un sistema democratico, ci sono dei limiti, dettati dalla autoconservazione del sistema stesso e dei suoi valori fondamentali, perché la trasformazione che propugnano dette liste non è ammissibile, non solo per effetto delle specifiche disposizioni costituzionali che impediscono la ricostituzione del disciolto partito fascista, ma anche in difesa di tutti gli altri diritti costituzionali.

Per tali motivi le suddette associazioni intendono sensibilizzare e sollecitare l’opinione pubblica a prendere posizione, chiedendo l’esclusione della lista neo-fascista Lista Casa Pound dalle elezioni municipali, anche negando la proclamazione degli eventuali eletti alla prossima consultazione e si fanno promotori della seguente lettera aperta alla Commissione elettorale per il rinnovo degli organismi politici del X Municipio di Roma ed alla Avvocatura Comunale, perché escludano la lista denominata Casa Pound Italia dalle elezioni dette, anche provvedendo a negare la proclamazione di eventuali eletti della detta lista.

Roma, 31 ottobre 2017

Fabrizio De Sanctis, presidente comitato provinciale di Roma A.N.P.I. – Associazione nazionale partigiani d’Italia;
Stefano Caccialupi, segretario generale A.N.E.I. – Associazione Nazionale Ex Internati;
Maurizio Ascoli, presidente comitato romano A.N.E.D. Associazione Nazionale Ex Deportati nei campi nazisti;
Claudio Fano, presidente comitato romano A.N.P.P.I.A. Associazione nazionale perseguitati politici italiani antifascisti;
Italo Pattarini, presidente comitato romano F.I.A.P. Federazione Italiana Associazioni Partigiane; Alessandro Portelli, presidente Associazione Culturale Circolo Gianni Bosio.