27 novembre: c’è chi dice NO MANIFESTAZIONE NAZIONALE

23.11.2016 - Redazione Italia

27 novembre: c’è chi dice NO MANIFESTAZIONE NAZIONALE
Domenica in piazza a Roma il popolo del NO con una grande Manifestazione Nazionale alle 14 da Piazza della Repubblica fino a Piazza del Popolo con un concerto degli artisti per il NO.
IL CONCERTO
Al concerto parteciperanno Andrea Rivera, Pierpaolo Capovilla, i 99 Posse, The Bluesbeaters, Jovine,  gli Assalti Frontali, MauMau, Daniele Sepe, Michele Riondino, Claver Gold, Iceone e Don Diegoh,  Rugantino e Rasta Blanco de “Radici nel Cemento”, Kento, O’Rom, Oyoshe & The wazers, Nadar Solo, Chop Chop Band, E’Zezi, Pepp-Oh & The BabeBand,  Inna Cantina con la presentazione di Lampa Dread.
LA MANIFESTAZIONE
In prima fila ci saranno il Comitato romano per il NO alla riforma costituzionale, i movimenti ambientali e contro le grandi opere (No tav, no grandi navi, trivelle zero, stop biocidio), gli studenti per il NO, i lavoratori, i movimenti di lotta per il diritto all’abitare.
Per la prima volta in questa lunga campagna referendaria il Popolo del NO prende parola“ – afferma Lorenzo, 27 anni, di Roma – “Renzi fa finta che il NO sia un’accozzaglia di vecchi parrucconi e riciclati della politica. Siamo stati nei mercati, nelle scuole e nei centri impiego a fare campagna, dietro questo NO c’è tanto altro. Il 27 in piazza a Roma ci saranno tutte queste voci che non sono ancora emerse in questo dibattito referendario. Questo referendum non è del cambiamento del SI contro la conservazione del NO, ma degli interessi dei poteri forti contro quelli dei tanti: delle 5 milioni di persone in soglia povertà, dei senza casa, dei risparmiatori truffati, dei giovani che scappano dall’Italia”.
Scendiamo in piazza il 27 e votiamo NO” – continua Marta, 30 anni, del comitato No grandi navi di Venezia – “per tutelare i nostri territori che da anni subiscono politiche scellerate di sfruttamento. Questa riforma del titolo V serve solo ad accentrare il potere nelle mani del governo e privare i territori di decisionalità. A cosa serve la clausola di supremazia statale? Solo a costruire Inceneritori, grandi opere, trivellazioni invise alla popolazione!
Noi giovani votiamo NO perché non ci interessa dare ai Governi più strumenti per decidere sulle nostre vite. – conclude Stefano, studente della Federico II, 24 anni di Avellino. – L’abbiamo capito a cosa servono le loro riforme: a farci essere ancora più sfruttati, lavorando a voucher, a consegnare la scuola e l’università pubblica nelle mani del mercato! Il nostro NO parla di un’altra idea di Paese possibile, di un’idea di democrazia reale contro la retorica della crisi e dell’emergenza  che porteremo in piazza domenica”.

WEB

 

Categorie: Comunicati Stampa, Europa, Politica
Tags: , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.