Per l’Europa che vogliamo: #StopCETA e #StopTTIP

29.06.2016 - Redazione Italia

Per l’Europa che vogliamo: #StopCETA e #StopTTIP
(Foto di www.flickr.com)

CETA E TTIP sarebbero un ulteriore strappo tra l’opinione pubblica europea e i suoi governanti, burocrati non eletti, sempre più percepiti come servi/complici delle elite finanziarie.

«Ritirate il mandato negoziale per il TTIP». È la richiesta della Campagna Stop TTIP Italia rilanciata assieme ad altre 240 organizzazioni non governative di tutta Europa in una lettera indirizzata al presidente del Consiglio Donald Tusk e ai Capi di Stato e di Governo dell’Unione (per l’Italia al Presidente del Consiglio Renzi e al Ministro per lo Sviluppo Economico Carlo Calenda) in occasione del Consiglio Europeo di ieri.

Per la Campagna Stop TTIP Italia ogni passo in avanti sul negoziato TTIP e sull’approvazione del CETA (l’accordo con il Canada, gemello e anticamera del TTIP), sarebbe un ulteriore strappo tra l’opinione pubblica e un’Unione Europea sempre più percepita come a uso e consumo degli interessi economici. Lo dimostrano le preoccupazioni espresse anche dai deputati italiani che sono entrati nella sala di lettura aperta a Roma, presso il Ministero dello Sviluppo Economico, il 30 maggio scorso. Oggi è tornato in quella stanza il parlamentare Giulio Marcon, che già aveva denunciato problemi di accesso e di trasparenza nella sala di lettura, mentre al di fuori si è svolto un presidio di attivisti della Campagna Stop TTIP, che hanno aperto uno striscione con la scritta: “Le persone prima dei profitti”.

«Il voto che ha decretato l’uscita dall’Unione della Gran Bretagna è un voto di sfiducia alla politica della Commissione Europea – dichiara Monica di Sisto, portavoce della Campagna Stop TTIP Italia – Quel voto getta un’ombra anche sulla gestione dei negoziati bilaterali e multilaterali.
Le organizzazioni raccomandano che la revisione del mandato richiesta da Juncker per rafforzare la posizione dell’esecutivo UE si traduca invece nell’abbandono delle trattative. Questo mandato è frutto di un’Europa che non esiste più, un’UE a 28 che il 23 giugno scorso è stata consegnata agli archivi. Vogliamo una verifica delle valutazioni di impatto che faccia i conti con il quadro attuale, perché gli scarsi guadagni che il TTIP prometteva a livello finanziario, con l’Uscita del Regno Unito verrebbero a mancare. Inoltre, dal punto di vista politico non è accettabile che un’Europa così sfiduciata dalla sua base continui a conservare nelle proprie mani esclusive dossier delicati come il TTIP e il CETA».

Diversi governi nazionali, Francia in testa, hanno sottolineato più volte la propria opposizione all’accordo con gli Stati Uniti, che allo stato attuale non tutela gli interessi comunitari e nazionali. La stessa Gran Bretagna, il 19 maggio, ha approvato in Parlamento un emendamento che impegna il governo a premere su Bruxelles per escludere il servizio sanitario dai negoziati per il TTIP. Sebbene il Regno Unito abbia scelto la Brexit, questa richiesta rimane cruciale, in quanto mette in luce i rischi conclamati per i servizi pubblici che la società civile denuncia da tempo.

«Nonostante le rassicurazioni della Commissione Europea e del Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo Calenda, la liberalizzazione dei servizi è un tema in discussione sul tavolo del TTIP, così come è prevista dal testo definitivo del CETA – dichiara Marco Bersani, tra i coordinatori della Campagna Stop TTIP Italia – Per questa e molte altre ragioni il mandato negoziale dev’essere ritirato, e la ratifica dell’accordo con il Canada sottoposta al vaglio di tutti i Parlamenti nazionali. Cosa che il governo italiano sta cercando di impedire».

«Il nostro esecutivo, tramite la lettera del Ministro Calenda intercettata e pubblicata da Stop TTIP Italia, rischia di spezzare il rapporto democratico tra rappresentanti nazionali e cittadini, defraudando il Parlamento del suo ruolo di indirizzo – dichiara Elena Mazzoni, tra i coordinatori della Campagna italiana – Tutto ciò si aggiunge ai gravi problemi di trasparenza e di accesso ai testi consolidati. L’opinione pubblica deve essere messa in condizioni di consultare i documenti e fornire raccomandazioni vincolanti, mentre ad oggi è possibile visionare il TTIP, esclusi gli annessi chiave, soltanto dai parlamentari e in condizioni inaccettabili per uno Stato di Diritto».

 

Categorie: Comunicati Stampa, Economia, Europa, Politica
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Giornata della Nonviolenza

Giornata della Nonviolenza

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.