Una ottima partenza oggi in tutta Italia dei Referendum Sociali, una stagione referendaria che vuole abrogare norme sbagliate come lo SbloccaItalia sul piano nazionale, per non costruire 15 nuovi Inceneritori, contro nuovi impianti di trivellazioni in terra ed in mare,per abrogare la legge della Buona scuola e quelle sulla privatizzazione di beni comuni come l’acqua.

Vogliamo riscrivere dal basso il percorso dei diritti sulla tutela della salute ed ambiente, sulla centralità della scuola pubblica e dei beni comuni con sei quesiti ed una petizione popolare da qui sino al 9 luglio.

Le tre manifestazioni di Colleferro, Brescia e Lanciano (PE) testimoniano che la battaglia per la salute e l’ambiente può fare la differenza in una vertenza nazionale contro politiche liberiste e lobbistiche che vedono finalmente insieme i Movimenti su Rifiuti – Acqua – Energia uniti in un patto solidale con quello per la Scuola pubblica

Comitato SI blocca inceneritori – Massimo Piras