Ambasciata di Palestina in Italia in occasione dell’IAW

07.03.2016 - Comunicato Stampa Ambasciata di Palestina - Redazione Italia

Ambasciata di Palestina in Italia in occasione dell’IAW
(Foto di englandevents.co.uk)

L’Ambasciata di Palestina in Italia coglie l’occasione dell’Israeli Apartheid Week (IAW, settimana contro l’Apartheid Israeliano) – un evento internazionale organizzato ogni anno all’interno delle Universita per denunciare il regime di Apartheid attuato da Israele nei confronti dei palestinesi e diffondere l’appello al BDS (Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni) – per chiarire le sue posizioni.

  • L’occupazione dei Territori Palestinesi da parte di Israele costituisce una lampante violazione del diritto internazionale. In particolare, la costruzione del Muro dell’Apartheid e degli insediamenti in terra palestinese equivale a un furto, non solo di aree coltivabili e da pascolo, ma di risorse indispensabili come l’acqua. Con questa espropriazione e questa barriera vengono negati diritti fondamentali come il diritto a una casa, a un lavoro, all’istruzione, alle cure mediche e, in molti casi, alla vita.
  • Ce lo ricordano le continue demolizioni di case e scuole palestinesi che hanno il solo scopo di rendere invivibile agli abitanti la propria terra, per fare spazio alla costruzione di nuovi insediamenti; ce lo ricordano gli arresti a tappeto e senza nessuna motivazione legale, che hanno una funzione semplicemente distruttiva delle vite palestinesi e mirano a sfiancare la loro resistenza pacifica; ce lo ricordano le esecuzioni a sangue freddo, con cui si sta falcidiando la gioventù palestinese; ce lo ricorda l’uccisione del piccolo Ali Dawabsha, bruciato vivo, e dei suoi genitori, morti per le ustioni causate dall’incendio appiccato alla loro casa da un gruppo di coloni.
  • Insieme ai diritti umani, viene calpestato il diritto all’autodeterminazione di un popolo. Lo Stato di Palestina è infatti riconosciuto dalle Nazioni Unite, dal Vaticano e da 138 singoli Paesi, ma sotto occupazione e nelle condizioni di frammentazione attuale le sue possibilità di operare come Stato sono ridotte ai minimi termini: nel corso del 2015 il numero degli insediamenti è aumentato, arrivando a coprire quasi il 50% del territorio dello Stato di Palestina così come attualmente riconosciuto nei confini del 1967, cioè sul 22% della Palestina storica.
  • Per tutti questi motivi, il popolo palestinese ha salutato con favore la decisione dell’Unione Europea di varare, lo scorso novembre, la norma per contrassegnare in modo specifico i prodotti che provengono dalle colonie israeliane presenti nei Territori occupati dal 1967: si è trattato di un passo avanti verso il riconoscimento di tutte queste violazioni, che possiamo riassumere con il concetto di Apartheid.
  • Di fronte all’esigenza di porre termine a questi soprusi, tornano alla mente l’esperienza del Sudafrica e la solidarietà internazionale che, in modo pacifico ma puntuale, tanto ha fatto per sconfiggere quel regime di Apartheid. Allora in Sudafrica come adesso in Palestina, è fondamentale che la comunità internazionale sia coinvolta e faccia pressione sui regimi che praticano l’Apartheid, mettendo in campo forme di persuasione nonviolenta come, nel nostro caso, il boicottaggio dei prodotti degli insediamenti, quintessenza della prevaricazione.
  • Per gli stessi motivi, non possiamo che guardare con gratitudine a forme spontanee e indipendenti di protesta come quelle attuate dai 168 accademici italiani che si rifiutano di collaborare con Technion, l’Istituto israeliano di tecnologia perchè ha un rapporto “attivo e durevole”, documentano i promotori, con l’esercito e l’industria militare israeliana.

Ambasciata dello Stato di Palestina in Italia

Categorie: Comunicati Stampa, Cultura e Media, Diritti Umani, Diversità, Europa, Medio Oriente, Nonviolenza, Politica
Tags: , , , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 16.11.19

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.