Ikea non apre in Marocco: una ritorsione?

29.09.2015 - MISNA Missionary International Service News Agency

Ikea non apre in Marocco: una ritorsione?
(Foto di http://www.ilpost.it)

Non aprirà in Marocco, almeno per ora, il primo negozio di mobili per la casa a basso costo dell’Ikea, il colosso svedese noto ormai in tutto il mondo. Le autorità hanno bloccato in extremis l’apertura del punto vendita dopo che il governo di Stoccolma ha annunciato il prossimo riconoscimento della Repubblica araba Sahrawi (Rasd).

Le autorità marocchine smentiscono che la decisione sia da attribuire a ‘pressioni diplomatiche’ e spiegano che i locali della ditta a Zenata, tra Muhammadiya e Casablanca “non dispongono dei certificati di conformità”.

Secondo il quotidiano Le320 però, la decisione è da considerarsi una “vera e propria rappresaglia” e punta a dissuadere  il governo svedese. “Ikea non fa politica” è stato il commento secco del direttore generale nel paese, che non ha specificato se una nuova data è stata fissata per l’inaugrazione.

Il Sahara Occidentale, ultima colonia d’Africa, è stata occupata militarmente dal Marocco nel 1975. La sua indipendenza è rivendicata dal Fronte Polisario, sostenuto dall’Algeria. La Rasd, autoproclamatasi indipendente nel 1976, è riconosciuta da alcuni stati e dall’Unione Africana., ma non dall’Onu che l’ha inserita nella lista dei territori non autonomi.

Categorie: Economia
Tags: , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.