Un giorno ad Atene

01.12.2014 - Dario Lo Scalzo

Quest'articolo è disponibile anche in: Tedesco

Un giorno ad Atene
(Foto di Dario Lo Scalzo)
Da alcuni anni la Grecia è rimasta nella memoria collettiva come il paese della crisi più di ogni crisi. Il paese europeo che più fortemente, rispetto ad altri, ha vissuto e vive una recessione e un’austerità senza precedenti in epoca moderna. In un primo tempo i media internazionali hanno raccontato delle vicissitudini politiche e sociali del paese scaturite e generatesi dalla cosiddetta crisi economica.
In seguito, c’è stato l’oblìo, la dimenticanza e la noncuranza di quanto è accaduto e accade umanamente e socialmente in Grecia perchè urgeva dare rilevanza ai parametri e ai criteri economico-finanziari che, come un guinzaglio al collo, ci stando progressivamente conducendo verso la disumanizzazione delle comunità e delle aggregazioni umane nel nome della rigida osservanza di regole che mirano a preservare un mondo di affarismi totalmente scostato dalla realtà e costruito attorno a dei tavolini virtuali.
Del resto è notorio che lo Stato greco abbia dilapidato la cosa pubblica, che i greci siano tutti dei lavativi, che abbiamo rubato e sfruttato conducendo un tenore di vita superiore alle proprie possibilità e che, andando a nozze con queste congetture, la Troika abbia trovato la strada spianata per tracciare un cammino estenuante fatto di pressioni, minacce, imposizioni, misure e contromisure in barba alle storie vere della gente e focalizzandosi prioritariamente alla protezione e al monitoraggio di numeri e di indicatori finanziari virtuali (non è accaduto nulla di diverso nel Belpaese).
C’è da questionarsi sul perchè solo in pochissimi si chiedono come sia stato possibile trasformare una crisi nata dal mondo finanziario (un mondo virtuale) e dalla speculazione di aziende private in crisi collettiva e dell’economia reale? Non vi pare che ci sia qualche passaggio mancante?
Lasciamo ai posteri l’ardua sentenza e soprattutto ai lettori le possibilità di rifletterci su, di capire di più, magari anche rispolverando o ricerando fonti d’informazione meno pilotate, quelle che ingenuamente aprono un po’ di più gli occhi su come gira il mondo di quest’epoca.
Recentemente mi è stato possibile trascorrere qualche oretta ad Atene e inevitabilmente ho avuto la possibilità d’incontrare la gente locale, di confrontarmi con la città, con le sue strade, di osservare con i miei occhi il flusso della vita scorrere al di fuori dei riflettori e delle zoommate mediatiche internazionali e nazionali che ultimamente parlano di Grecia esclusivamente per titolare roba simile a “Il Governo di Atene sotto pressione da parte della Troika che esige nuovi tagli di spesa”.
Atene in 24 ore è la maniera con cui ho deciso di vivere la capitale ellenica, che ho respirato cercando di fare astrazione del titolone mainstream in prima pagina e che ho cercato di gustarmi come esssere umano lontano dal bombardamento mediatico della società odierna. Ne è venuto fuori un quadretto composto da tanti colori che accentuano il mistero e il fascino del mix tra modernità e storia di Ἀθῆναι (Atene in greco antico); un mix magico e quasi surreale che zigzaga in ogni angolo della città.
Il sole amico che illumina la vitalità delle stradine, il mare brillante in fondo alla vista degli occhi, i templi marmorei che mettono soggezione, i colori e i rumori delle piazze dove giovani e vecchi si radunano solo apparentemente per diversi motivi. Nuove e vecchie agorà, agorà riempite di sorrisi e sonorità, di grida e sirene, di manifestanti rassegnati e di altrettanti speranzosi, di artisti e di persone comuni, anche loro artisti inconsapevoli.
Gli odori delle preoccupazioni, dei reclami, dell’austerità, delle agitazioni, degli scioperi generali, gli odori delle critiche al mondo e quelli delle proteste dei graffittari, si accavallano e s’intersecano con quelli di capitelli e di colonne imponenti e di alberi secolari che sanciscono nel tempo la possenza della civiltà greca, della creatività di genti appassionate che oggi si adeguano a vivere nel semplice e nell’essenziale e che desiderano giacere lì, nel silenzio di luoghi sacri nel passato e rivoltosi nel presente, a godersi pacificamente l’esistenza tra un drink, un ballo e una musica.
E così, alla fine del giorno, quando l’oscurità cela la fragranza dell’antichità per dar spazio alla modernità globalizzata, ci si perde nel nutrimento dell’arte, nella musica e nella condivisione dell’amore.
Qui di seguito un video con i momenti no comment della 24 ore ateniese

Categorie: Cultura e Media, Europa, Internazionale, Video
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 27.01.20

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

Chiudiamo le pagine di chi spegne i sorrisi

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.