In Asia aumentano i salari ma anche le diseguaglianze

05.12.2014 - MISNA Missionary International Service News Agency

In Asia aumentano i salari ma anche le diseguaglianze
(Foto di Wing)

Nell’immensa area Asia-Pacifico la crescita dei redditi è superiore percentualmente a quella di ogni altra area del pianeta. Un rapporto specifico dell’Organizzazione internazionale del lavoro (Wages in Asia and the Pacific: Dynamic but uneven progress) è stato diffuso in contemporanea con il rapporto Global Wage Report 2014/15, aggiungendo maggiori dettagli sulla situazione locale.

Nel 2013 i salari reali sono mediamente cresciuti del 6.0%, ben al di sopra della media globale del 2,0%.

Se complessivamente è possibile segnalare i benefici di questa situazione, un’analisi più approfondita ne mostra anche i limiti. Il divario tra le suddivisioni continentali: Asia orientale, Asia Sud-Orientale e Pacifico, Asia meridionale è enorme. Se, ad esempio, i salari reali sono cresciuti di tre volte dall’inizio del secolo trainati dalla locomotiva cinese, altrove la crescita è stata assai più limitata, appena superiore al 50%. A questo si aggiunge che un terzo di lavoratori nell’area Asia-Pacifico sono costretti a redditi inferiori a 2 dollari al giorno, considerata la soglia di povertà. Crescono le ineguaglianze, con gruppi di popolazione che avanzano rapidamente in termini di benessere e altri sempre meno favoriti.

Generalizzando si può dire che se la crescita sostenuta dei salari in Asia orientale ha portato a un benessere più rapido (7,1% lo scorso anno), ha aumentato anche le disparità di reddito e rischia più rapidamente di frenare lo sviluppo, in buona parte determinato dalla disponibilità di manodopera a buon mercato.

Nel Sud-Est asiatico e nel Pacifico la politica di stabilire salari minimi garantiti è stata determinante nel constire un aumento delle retribuzioni (mediamente il 5,3% lo scorso anno). In diversi paese, la crescita della produzione è stata per anni assai superiore a quella dei salari e gli interventi governativi in tempi recenti (come in Thailandia lo scorso anno con il salario minimo nella capitale portato da 240 a 300 baht al giorno dopo 12 anni di sostanziale blocco a fronte di un incremento della produttività del 50%)

L’Asia meridionale non solo vede mediamente i salari più bassi, ma anche un rallentamento della loro crescita in tempi recenti (dal 6,4% del 2008 al 2,4% nel 2013), soprattutto in rapporto alla produzione.

Restano anche in questo campo ancora sensibili le differenze tra popolazione maschile e femminile, sia in termini di opportunità, sia in quelli di reddito. I salari femminili corrispondono complessivamente al 37% del totale dei salari versati lo scorso anno.

Categorie: Asia, Economia
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Search

Racconti della Resistenza

Racconti della Resistenza

Il canale Instagram di Pressenza

Catalogo dei Documentari

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.