1 marzo, dai muri di Roma: MAI PIÙ CIE

01.03.2014 - Redazione Italia

1 marzo, dai muri di Roma: MAI PIÙ CIE

 

Poco dopo lo scoccare della mezzanotte del 1 marzo, giornata dei diritti dei lavoratori migranti, sui muri di Roma sono apparsi 9 manifesti enormi che rivendicano la chiusura del CIE di Ponte Galeria e di tutte le strutture detentive per migranti.

 

Da via Kant a via Cristoforo Colombo, da via La Spezia a Scalo San Lorenzo, da Porta Maggiore a via Prenestina, dal Muro Torto a piazza Indipendenza i muri della città meticcia gridano MAI PIÙ CIE. Quest’azione si trova direttamente in continuità con il corteo di migliaia di persone che il 15 febbraio ha manifestato davanti al lager di Ponte Galeria e ne ha attaccato le recinzioni esterne.

 

I Centri di Identificazione ed Espulsione sono luoghi illegittimi che devono essere chiusi.

 

Nell’ultima settimana, anche il Comune di Roma e la Regione Lazio hanno approvato due delibere per chiedere ufficialmente al governo di mettere fine al CIE di Ponte Galeria e liberare i migranti reclusi. Adesso è arrivato il momento di passare ai fatti e di far uscire da quel luogo ignobile tutti quanti.

 

La mobilitazione dei movimenti continuerà fino a quando il centro di detenzione sarà chiuso per sempre.

 

Chiudiamo Ponte Galeria! Roma è meticcia! Liber* tutt*!

 

Reti antirazziste

Movimenti per il diritto all’abitare

Categorie: Comunicati Stampa, Diversità, Europa
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

 

Solidarietà ai tempi del Coronavirus

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.