Argentina: firmato l’accordo con Repsol

28.02.2014 - MISNA Missionary International Service News Agency

Un indennizzo di 5 miliardi di dollari in titoli di stato per l’espropriazione del 51% di Ypf (Yacimientos Petrolíferos Fiscales) e l’impegno a desistere da qualsiasi azione giudiziaria: è quanto hanno sancito il colosso petrolifero spagnolo Repsol e il governo di Cristina Fernández de Kirchner sottoscrivendo a Buenos Aires due patti distinti.

La firma è giunta dopo che il consiglio di amministrazione di Repsol ha approvato martedì scorso all’unanimità un’intesa con l’esecutivo sull’ammontare del risarcimento per l’espropriazione di Ypf, tornata sotto il controllo statale; intesa che include garanzie sufficienti a monetizzare i 5 miliardi di dollari di compensazione.

La garanzia principale il il riconoscimento, da parte dell’Argentina, di un debito pubblico per il valore di 5 miliardi di dollari che non sarà estinto fino a quando Repsol non avrà ottenuto l’intero ammontare dell’indennizzo.

L’intesa dovrà essere ratificato dalla giunta degli azionisti di Repsol il 28 marzo a Madrid e dal Congresso argentino attraverso un decreto legge che l’esecutivo si appresta ad inviare in aula.

L’accordo è stato contestato dall’opposizione: per la senatrice radicale Elisa Carrió è “nullo e illegale” poiché manca del pronunciamento del ‘Tribunal de Tasaciones’. Immediata la replica del ministro dell’Economia, Axel Kicillof, secondo il quale i dirigenti dell’opposizione “sono preoccupati del fatto che la controversia con Repsol si chiuda in maniera amichevole, concordata e pagando una cifra che corrisponde a ciò che vale la società”.

Categorie: Economia, Politica, Sud America
Tags: , , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

 

Solidarietà ai tempi del Coronavirus

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.