I ribelli del Sudan mettono al bando le mine

30.08.2013 - MISNA Missionary International Service News Agency

 

Il Movimento di liberazione popolare del Sudan-Nord (Splm-N), un gruppo ribelle che combatte l’esercito di Khartoum nelle regioni frontaliere del Sud Kordofan e del Nilo Blu, si è impegnato a non utilizzare e a distruggere le mine anti-persona a sua disposizione.

La decisione è stata messa nero su bianco ieri in Svizzera, dove il segretario generale dell’Splm-N Yasir Arman ha sottoscritto l’“Atto di impegno per l’adesione al bando totale delle mine anti-persona e per la cooperazione nell’azione contro le mine”. Si tratta di un documento messo a punto dall’organizzazione non governativa Geneva Call, che consente l’adesione ai trattati internazionali da parte di attori non statali come i gruppi ribelli.

In Sud Kordofan e nel Nilo Blu il conflitto è ripreso nel 2011, sei anni dopo la fine della Seconda guerra civile del Sudan e in coincidenza con la nascita di uno Stato indipendente del Sud. L’Splm-N sostiene di essere entrato in possesso di mine anti-persona sul campo di battaglia, sottraendole alle Forze armate di Khartoum. Il Sudan aderisce al Trattato di Ottawa, un accordo sottoscritto finora da 160 paesi che vieta l’uso, la vendita e lo stoccaggio delle mine anti-persona. Sia in Sud Kordofan che nel Nilo Blu, però, l’uso di questo tipo di ordigni è stato segnalato anche di recente.

Categorie: Africa, Pace e Disarmo
Tags: , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Giornata della Nonviolenza

Giornata della Nonviolenza

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.