Africa orientale: verso la moneta unica

19.07.2013 - MISNA Missionary International Service News Agency

Arusha (foto di Issa Michuzi)

Un piano per la creazione di una moneta unica dell’Africa orientale è stato concordato dai ministri di cinque paesi della regione nel corso di un vertice che si è tenuto nella città di Arusha, nel nord della Tanzania.

“È un momento storico – ha commentato Tarsis Kabwegere, presidente del Consiglio dei ministri della Comunità dell’Africa orientale (Eac) – perché abbiamo posto le fondamenta giuridiche e istituzionali per realizzare un pilastro dell’integrazione, l’unione monetaria”. Secondo il quotidiano di Nairobi Daily Nation, l’intesa tra i rappresentanti di Kenya, Tanzania, Burundi, Rwanda e Uganda costituisce “un passo avanti affinché l’Africa orientale possa avere una valuta unica”. L’unione monetaria, ricorda il giornale, è uno degli elementi fondamentali dell’integrazione insieme con la costituzione di una banca centrale e di un meccanismo per l’armonizzazione delle politiche fiscali e valutarie.

Nata nel 1999 con l’obiettivo di favorire l’integrazione regionale a livello economico, monetario e in prospettiva politico, la Comunità dell’Africa orientale riunisce 125 milioni di persone. Un passo importante è stato compiuto nel 2010, con la creazione di un mercato comune teso a favorire la libera circolazione di beni e capitali e a garantire il diritto di stabilimento, cioè di avviare attività professionali o imprenditoriali.

Categorie: Africa, Economia
Tags: , , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 25.02.20

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

Chiudiamo le pagine di chi spegne i sorrisi

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.