Carovana Internazionale Antimafie: il cammino verso il risanamento etico del paese

02.05.2013 - Dario Lo Scalzo

E’ partita lo scorso 30 marzo da Tunisi con la partecipazione al Forum Sociale Mondiale ed è al suo sedicesimo viaggio la XVI edizione della Carovana Internazionale Antimafie, promossa da Arci, Libera e Avviso Pubblico, in collaborazione con Cgil, Cisl, Uil e La Ligue dell’Enseignement.

Un’edizione di 69 tappe, giunta oggi a metà del suo percorso, durante la quale i carovanieri, da sud a nord del paese, si faranno portatori del messaggio della legalità.

“Se sai contare inizia a camminare” è lo slogan di questa nuova avventura che ha il fascino di trasformarsi in un vero e proprio laboratorio itinerante, crocevia ed incontro di persone e luoghi accomunati dalla voglia di dire presente e di esporre con fierezza il volto pulito del nostro paese per contrapporlo a questo sporco dell’illegalità economica.

Così, durante le centinaia di km del percorso della Carovana, organizzatori, associazionismo impegnato, cittadinanza, scolaresche, società civile, vittime delle mafie partecipano e focalizzano l’attenzione sui temi della corruzione. Le mafie, l’evasione fiscale, la corruzione e, più in generale, tutte le attività illegali che sembrano ormai rientrate negli “usi e costumi” del belpaese e che generano per la comunità costi enormi riuscendo inoltre a sottrarre a tutti noi cittadini italiani circa 500 miliardi, secondo una recente stima effettuata dagli organizzatori della Carovana. Cifre gigantesche, che devono portarci a riflettere, ancor più in quest’epoca di crisi nella quale la classe politica ci sottopone a manovre e austerità.

Contro tutto ciò lotta il popolo della legalità che ogni anno, da ormai quasi vent’anni, si ritrova ad accogliere e abbracciare il passaggio dei carovanieri, con i loro furgoni simbolicamente carichi di speranza e di fiducia. Dei furgoni che di tappa in tappa caricano a con se elementi essenziali per vincere contro l’illegalità nel nostro territorio; ora è la memoria che sale a bordo durante gli incontri con le vittime delle mafie, mai dome e che non hanno mai perso la forza ed il coraggio di ottenere verità e di testimoniare solidarietà; ora è l’attivismo, quello di varie realtà positive del paese che, spesso nel silenzio mediatico e nell’indifferenza complice delle istituzioni, riescono a trasformare luoghi per farne comunità più sane e meno fragili di fronte al fenomeno mafioso. Così come accade a Scampia dove la volontà, il coraggio e la temerarietà di pochi cittadini hanno permesso di bonificare interi quartieri, riqualificare e rendere vivibili aree, creare lavoro e reddito pulito per i giovani, a garantire livelli di scolarizzazione a bambini e adolescenti, altrimenti destinati ad essere assoldati dalla Camorra, ma soprattutto ad avere i favori e l’appoggio morale e materiale della cittadinanza, in altre epoche asfissiata e impaurita dalla morsa mafiosa.

La Carovana è anche questo, è sensibilizzazione, è stimolo, è possibilità di convergenza tra realtà positive del territorio, è capacità di mostrare come combattere l’esclusione e la marginalità sociale, è opportunità di fare emergere storie invisibili di concretezza e di cittadinanza attiva.

Dopo il primo mese di tappe nel meridione d’Italia, in maggio i furgoni si accingono ad attraversare le strade di città, di paesi, di villaggi e di fette di territorio del nord con lo stesso spirito e lo stesso credo; quello che, partendo dalla valorizzazione della memoria e giungendo ad esaltare le azioni quotidiane di chi compie onestamente il proprio lavoro e rifiuta l’illegalità, vuole contribuire al risanamento dell’etica del nostro paese.

Categorie: Europa, Nonviolenza, Pace e Disarmo
Tags: ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.