Unrwa sospende la distribuzione di alimenti a Gaza

06.04.2013 - Elisa Gennaro

Unrwa sospende la distribuzione di alimenti a Gaza
(Foto di Panorama.am)

In seguito alle proteste di numerosi cittadini davanti alla sede Unrwa di Gaza e al tentativo di invaderne gli uffici che il responsabile Robert Turner ha definito “programmato”, l’Agenzia ONU per l’assistenza e la creazione del lavoro per i profughi palestinesi annuncia che sospenderà ogni attività nel territorio palestinese.
Da questo momento Unrwa chiede alle autorità locali di fornire sicurezza del proprio staff, e solo dopo che ciò sarà garantito, riprenderanno le attività di soccorso e riapriranno i centri di distribuzione degli aiuti, anche alimentari.

Le autorità locali si impegnano a fornire la protezione del personale e delle sedi Unrwa, ma definiscono la decisione “ingiustificata”.
Le proteste di numerosi palestinesi erano sorte quando l’Agenzia aveva comunicato, il 1 aprile scorso, di non essere più nelle condizioni finanziarie di erogare il gettone previsto per circa 30mila casi di estrema povertà. A Gaza sono oltre centomila coloro che sono considerati molto poveri da Unrwa.
A Gaza l’Agenzia opera nei confronti di 800mila rifugiati (2/3 dell’intera popolazione) nei settori dell’educazione, della sanità, della distribuzione di cibo (riso, farina e olio da cucina) e della creazione del lavoro.
Tra tutti i canali umanitari presenti nella Striscia di Gaza, Unrwa copre l’80% dei servizi di soccorso.

Da due anni Unrwa deve fare i conti con un atteggiamento ostile di numerosi Paesi donatori che utilizzano le proprie quote di finanziamento a scopo politico. Ogni qualvolta i palestinesi raggiungono un obiettivo politico in sede internazionale, la lobby e i rappresentanti dei fedelissimi governi di Israele sospendono le proprie donazioni a Unrwa.

Ma è da quando Hamas ha preso il governo della Striscia di Gaza nel 2006 che il boicottaggio era stato annunciato, anche dall’Unione Europea.
L’assedio israeliano aggrava la situazione “umanitaria”, e non si riserva nessun trattamento di favore nemmeno nei confronti di Unrwa che a causa dell’assedio aveva dovuto rinunciare all’introduzione di una quota di alimenti da Israele. In un regime ordinario Unrwa fornisce circa 250 tonnellate di cibo.
Ora si rischia anche di condurre i palestinesi di Gaza ad un’altra crisi con l’Egitto che, nonostante il cambio di regime, continua a effettuare intensi controlli sulla frontiera.

Da Unrwa affermano che in conseguenza a questa decisione si rischia incidere negativamente sulle prossime due generazioni aumentando i casi di malnutrizione.

Attualmente l’Agenzia lamenta un deficit di 68milioni di dollari
Quello che accade oggi a Gaza è un episodio di una crisi cronica. A fine febbraio il vice Commissario Unrwa, Peter Ford, aveva svolto un tour nei Paesi del Golfo, presenti a Gaza con programmi umanitari (principalmente salute ed educazione), nella speranza di poter diventarne partner e, parallelamente, usufruire di fondi utili a continuare le proprie attività.

Categorie: Diritti Umani, Medio Oriente, Questioni internazionali
Tags: , , , , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Giornata della Nonviolenza

Giornata della Nonviolenza

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.