Ideologia e pragmatismo

03.03.2013 - Milano - Anna Polo

Quest'articolo è disponibile anche in: Inglese, Spagnolo, Francese, Portoghese

Ideologia e pragmatismo
(Foto di Wikimedia Commons)

“Non lo sto dicendo per ragioni ideologiche… Non intendo fare un discorso ideologico… Le ideologie sono morte…” Precisazioni e dichiarazioni come queste sono sempre più frequenti e vengono accettate e apprezzate come un segno di modernità e di distacco da una mentalità ormai vecchia, nostalgica e superata.

Non si può comprendere questo rifiuto delle ideologie senza collocarlo in un contesto storico preciso: con il crollo dell’Unione Sovietica è venuto meno un modello che, pur con gravissimi difetti – dall’autoritarismo alla mancanza di libertà – aveva rappresentato un’alternativa a quello capitalistico. Questo crollo è stato  frutto delle contraddizioni interne di un sistema chiuso, ma i sostenitori del libero mercato si sono affrettati a presentarlo come un trionfo della propria visione del mondo. A questa prima falsificazione se ne è aggiunta un’altra: la proclamazione della fine non solo del comunismo, l’ideologia legata al modello sovietico, ma di tutte le ideologie. Eppure il liberismo è esso stesso un’ideologia – mascherata e basata sul culto del denaro e del profitto a ogni costo.

Per sostenere tutte queste manipolazioni è stata lanciata una martellante campagna di demonizzazione e degradazione: le ideologie sono nocive, rigide e intolleranti e in loro nome si sono commesse atrocità e scatenate persecuzioni. E’ necessario superare questa forma ormai vecchia e sostituirla con un atteggiamento pragmatico, più flessibile e capace di adattarsi a un mondo in continuo e rapido cambiamento.

E’ indubbio che in nome di tante ideologie si siano commesse e giustificate terribili violenze, ma è anche vero che l’ideologia in sé non comporta automaticamente queste nefaste conseguenze: se la consideriamo una visione del mondo, un insieme di principi, ideali e valori, un’immagine di futuro da raggiungere, una direzione che aiuta a trovare una coerenza tra i pensieri, i sentimenti e le azioni, allora essa diventa una grande forza, che può alimentare e sorreggere le migliori aspirazioni dell’essere umano. Certo, può anche portare a distruzioni e atrocità, ma questo non dipende tanto dalla sua natura generale, quanto dai contenuti e dalla metodologia di una particolare ideologia. Vale qui il vecchio, semplice esempio del coltello: lo si può usare per uccidere o per tagliare il pane. Il coltello in sé non è né buono né cattivo: è uno strumento al servizio delle intenzioni umane, così come può esserlo un’ideologia.

Senza una direzione chiara e dei valori profondi che guidino l’azione trionfa il tanto osannato pragmatismo. E questo inevitabilmente porta a cercare il facile successo, a prendere scorciatoie, a evitare le verità scomode e impopolari, insomma, ad agire in modo contraddittorio, cambiando posizione a seconda di dove tira il vento.

E’ necessario allora recuperare il vero significato del termine ideologia, svuotato e svilito da tanta degradazione e fare una scelta: la coerenza al di là dei risultati immediati, in nome di qualcosa che non esiste ancora, ma che si può raggiungere, o le azioni a corto respiro dettate dai rapporti di forza e dalle convenienze del presente?

 

 

Categorie: Opinioni, Umanesimo e Spiritualità
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.