Daniela Musumeci

Daniela Musumeci è nata nel 1953 a Palermo, dove ha insegnato filosofia e storia nei licei, scientifico e classico, occupandosi tra l’altro di educazione alla interculturalità, didattica antimafia e pedagogia della differenza. Ha pubblicato per i tipi della Ila Palma “Devota come un ramo”, breve silloge di poesie e saggi, e le raccolte di liriche “Doveri d’allegria” e “La quinta dimora”; per la casa editrice CFR “Chiarìa d’acqua”. Numerosi suoi scritti si trovano in diverse pubblicazioni collettanee e nella raccolta della rivista “Mezzocielo” alla quale ha collaborato per tredici anni. Ha fatto parte dell’associazione “Luminaria” per la quale ha curato insieme con altre il sito web leluminarie.it. Attualmente partecipa alle attività del No Mafia Memorial e del Caffè Filosofico “B. Bonetti”. Sta curando con Antonella Chinnici e Alessandra Colonna Romano la riedizione e revisione aggiornata di un’antologia di autrici e autori siciliani di ogni tempo, già edita dalla regione Sicilia con il titolo “L’isola singolare”. “Ricorrenze”, uscito nel 2021 per la casa editrice Kemonia, raccoglie tutte le sue poesie, edite e inedite.

Benvenuti rifugiati

Pressenza è costantemente impegnata a denunciare i soprusi, le violazioni dei diritti umani, il degrado che vessano i migranti rinchiusi nei campi di prigionia, identificazione e respingimento, per non dire dell’abbandono in mare; oggi vogliamo parlare invece di buone pratiche,…

Guarire dal covid: roba da ricchi?

In questi giorni ci capita di verificare il nesso teoria-prassi sulla nostra pelle: dopo esserci battuti negli ultimi due anni di sindemia contro i brevetti privati dei vaccini, che dovrebbero essere bene comune, contro l’ennesimo risvolto della questione meridionale globale,…

OPEN FIELDS Senza i migranti le olive resterebbero sugli alberi

Questo articolo prende spunto dalla tavola rotonda del 17 dicembre 2021, svoltasi a Palazzo Ziino a Palermo, per presentare i risultati del progetto Open Fields del CISS e del CRIC, volto a “prevenire e combattere razzismo e xenofobia contro i…

Razzismo inconsapevole

l’articolo è il prodotto di una discussione tra la nostra redattrice e Ousman Drammeh, giovane meditatore culturale – Quando Hannah Arendt denunciava la banalità del male che si genera in assenza di pensiero, indicava più che il rischio la inevitabilità…

Dal passato al futuro del “Gramsci” siciliano. Incontro con Salvatore Nicosia

In questi mesi abbiamo seguito con apprensione la vicenda dello sgombro dell’Istituto Gramsci, intimato al prestigioso presidio culturale dall’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Leoluca Orlando. La redazione di Palermo, impegnata nella campagna di sostegno all’Istituto siciliano, pubblica questa intervista del…

Il calvario del Gramsci e la mannaia del Comune

Lunedi 4 ottobre, ai Cantieri Culturali alla Zisa di Palermo, si è tenuta un’assemblea cittadina di solidarietà all’Istituto Gramsci Siciliano; hanno partecipato numerosissime associazioni, dalla CGIL alla Camera del Lavoro, dal Centro Pio La Torre al Forum Antirazzista, Salvare Palermo,…

Io sono pansessuale. A proposito del DDL Zan e dei pasticci del ceto politico

Il corpo è stato il grande rimosso dalla filosofia occidentale[1]– con rare eccezioni come Giordano Bruno, Spinoza, Feuerbach – e, una volta dimenticato il corpo di donna, luogo della nascita, è subentrato l’orrore della morte, non più concepita come il…