Didattica a Distanza: i dati dei figli regalati a Google e Microsoft

25.10.2020 - Fronte Ampio

Didattica a Distanza: i dati dei figli regalati a Google e Microsoft
(Foto di Gabriel Benoit)

Torna la scuola a distanza ( DAD ). Le ultime ordinanze di alcuni presidenti delle regioni ( Campania, Sicilia, etc ) e il recentissimo DPCM del primo ministro Giuseppe Conte obbligano i nostri figli a dover seguire le lezioni da casa.
Didattica a Distanza, Fioravanti : serve una piattaforma autonoma

« Che si sarebbe tornati alla didattica a distanza (DAD) era – purtroppo – nell’ordine delle cose. Non essendo intervenuti sulla riduzione degli studenti per classe, non avendo riaperto le scuole dismesse per ridurre gli assembramenti nei plessi scolastici e non avendo assunto organici aggiuntivi per separare gruppi classe », lamenta l’ex grillino ed ex ministro dell’istruzione Lorenzo Fioramonti sul social Facebook.

« Il Ministero – insiste Fioramonti – sarebbe dovuto intervenire già a Marzo per realizzare una piattaforma pubblica nazionale per la DAD [ …]. In questo modo, si sarebbe garantita uniformità di accesso gratuito a tutti, un sistema standard per aiutare gli insegnanti a svolgere il proprio lavoro ed una modalità trasparente per rassicurare studenti e genitori sul trattamento dei dati ».

Al contrario, in assenza di tale programmazione, il Ministero della Pubblica Istruzione ha siglato dei protocolli con i colossi mondiali dell’informatica che han messo a disposizione gratuitamente le proprie piattaforme : Microsoft Teams o Google Classroom.

I Pirati : Stiamo regalando i dati degli studenti a Google e Microsoft

Poche, pochissime, le scuole che hanno scelto strumenti altri strumenti, quale, ad esempio, OpenMeet dell’italiana Garr.

Quelle dei giganti dell’informatica sono preferite perché, forse, di più semplice utilizzazione, ma, soprattutto, perché gratuite. « Gratuità – spiega Michele Pinassisul sito web “Toscana Pirata” – che, è bene ricordarlo quando parliamo di piattaforme messe a disposizione da realtà commerciali, spesso è subordinata all’utilizzo commerciale dei dati forniti dagli utenti stessi ».

« La questione è tutt’altro che trascurabile – prosegue Pinassi – , perché scegliendo di avvalersi di piattaforme proprietarie e chiuse, la Scuola ha de facto deciso di regalare i dati dei propri studenti [1] e docenti alle grandi multinazionali private, che con questi dati fanno business ».
Il Garante per la Privacy : Preferire il registro elettronico ad altre piattaforme

« La crescente rilevanza assunta, nell’attuale fase emergenziale, dagli strumenti volti a consentire lo svolgimento dell’attività didattica a distanzaimpone di riservare maggiore attenzione alle questioni inerenti la sicurezza e la protezione dei dati personali affidati a tali piattaforme ».

E’ stato lo stesso Antonello Soro, Garante per la protezione dei dati personali, a lanciare l’allarme privacy rispetto ai vari software utilizzati dalle scuole per assicurare la didattica a distanza.

Lo fece con una lettera inviata al Ministro dell’istruzione, Lucia Azzolina lo scorso 4 maggio e pubblicata anche sul sito web del Garante.

« Gli istituti scolastici – spiega Soro – hanno sinora provveduto ricorrendo a soluzioni tecnologiche, offerte da vari fornitori, non sempre caratterizzate da garanzie adeguate in termini di protezione dei dati personali e talora notevolmente vulnerabili ».

Il Garante invita i dirigenti scolastici a preferire « il registro elettronico – fornito da soggetti già designati responsabili del trattamento » quale « strumento elettivo » per l’attività didattica evitando, o comunque riducendo, « il ricorso a piattaforme altre ».
Gli User Linux : Mettere in mora i presidi sul trattamento dei dati

Il Linux User Group di Bolzano (LUGBZ) ha promosso, in tema, una campagna per invogliare i genitori a chiedere agli istituti scolastici dei loro figli come vengono gestiti i dati che li riguardano.

Un iniziativa volenterosa, ma quanto risolutiva del problema esistente?


Note :
[1] Nome e cognomi, IP e fornitore della comunicazione, città connessione, MAD e dati del device e degli strumenti utilizzati ( sistema operativo, browser, risoluzione, marca / modello).

Credits : Photo by Gabriel Benois on Unsplash

Categorie: Educazione, Europa
Tags: , , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.

maltepe escort