Palermo, 25 luglio 2020 – L’emergenza nel Mediterraneo centrale in questi giorni è continua. Ieri le segnalazioni di Moonbird, l’aereo da avvistamento di Sea Watch e Alarmphone avevano segnalato due casi di natanti in difficoltà. Il primo, in SAR Maltese è stato purtroppo catturato e le circa 70 persone a bordo respinte verso i campi di prigionia dalla cosiddetta guardia costiera libica.

Il secondo invece, con circa 110 persone a bordo, è stato soccorso dal mercantile Cosmo, battente bandiera italiana. In questo momento i naufraghi si trovano a bordo, ma un mercantile non può garantire gli spazi e l’assistenza medica di cui necessitano.

Grazie all’equipaggio del Cosmo per aver applicato la legge del mare e l’umanità aiutando chi rischiava la morte in mare. Adesso le autorità europee indichino un porto sicuro di sbarco, oggi stesso. Non vogliamo essere costretti ad assistere all’ennesimo tira e molla sulla pelle di chi fugge da guerra e torture.