Il mondo di dopo è adesso? Migliaia di sans-papiers per le strade di Parigi

31.05.2020 - Parigi, Francia - Claudie Baudoin

Quest'articolo è disponibile anche in: Francese, Tedesco

Il mondo di dopo è adesso? Migliaia di sans-papiers per le strade di Parigi

Il virus ha ucciso la paura?

Così si potrebbe supporre, vista l’orda di manifestanti a Parigi sabato 30 maggio. L’appello per la Marcia della Solidarietà era stato lanciato in tutta la Francia e la manifestazione era stata vietata a Parigi. Con il pretesto delle cosiddette misure progressive di riapertura, il governo ha consentito quasi tutto, meno la manifestazione…

Disobbedienza civile: sono arrivati da tutta l’Ile de France (l’insieme di Parigi e la sua periferia) in decine di migliaia di persone.

Questa non è la prima dimostrazione di solidarietà verso i sans-papiers. Numerose organizzazioni e associazioni hanno organizzato in molte occasioni degli incontri per far conoscere le condizioni di vita indegne di migliaia di famiglie, l’assenza dei diritti più fondamentali per centinaia e centinaia di persone, la lotta per la regolarizzazione.

Ma in queste occasioni, la maggior parte dei manifestanti era costituita da associazioni organizzatrici e da persone “regolarizzate”. Inoltre, queste manifestazioni si svolgevano in un Paese che era ancora considerato “il Paese dei diritti umani”; o almeno, era uno dei Paesi in cui si poteva ancora manifestare liberamente.

Oggi,

  • dopo più di un anno di violenza senza precedenti da parte della polizia sul nostro territorio contro i gilets jaunes, è dopo minacce, ingiustizie, corruzione comprovata…

  • a dispetto di una lunghissima storia di discriminazione nelle nostre periferie, dove la gente cerca senza successo di sfuggire alle “incursioni” e alle violenze ricorrenti…

  • nonostante il minaccioso divieto di manifestare…

succede che migliaia di persone, migliaia di immigrati, di qualsiasi provenienza, hanno formato una densa schiera di lavoratori senza documenti, una folla rafforzata e sostenuta dai membri di decine di organizzazioni e associazioni di sostegno che sfidano le autorità, la polizia e i suoi gas lacrimogeni, e tutte le minacce dall’oltretomba.

Certo è che il confinamento ha portato queste popolazioni a una necessità tale da richiedere un simile slancio per sperare di sopravvivere…

Certo è che il clamore dei popoli che si battono per vivere in migliori condizioni ha ormai una risonanza mondiale, e quello che sta accadendo negli USA (manifestazioni violente in molte città contro l’ingiustizia razziale e gli omicidi razzisti) ha avuto un effetto di incoraggiamento e ha aumentato la spinta verso la disobbedienza civile.

Certo è che il popolo ha capito di ESSERE il potere. Che senza di lui nulla funziona, non il lavoro, né l’economia, niente.

Certo è che una parte del popolo ha capito che deve disobbedire alle leggi che lo riducono a un oggetto di produzione.

Certo è che questi mesi di tensione e preoccupazione, ma anche di riflessione, solidarietà, scambi e prospettive condivise hanno risvegliato, se non speranze, quantomeno aspirazioni.

“Il mondo di dopo…” ululano i nostri governi…”È adesso! “, grida il popolo! Ed è ora, con più giustizia, più solidarietà, più democrazia, più dignità.

In ogni caso, qualcosa di profondo e sacro si è risvegliato e ha nutrito con grande audacia e coraggio le migliaia di manifestanti che, al di là delle rivendicazioni immediate, hanno dato un Senso alla lotta sociale e alla Storia.

Traduzione dal francese di Chiara De Mauro

Categorie: Diritti Umani, Europa, Migranti, Opinioni
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Search

Il canale Instagram di Pressenza

Catalogo dei Documentari

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.