In Cina chiudono 14 ospedali temporanei per diminuzione del contagio

11.03.2020 - Wuahn, Cina - HispanTV

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo, Francese

In Cina chiudono 14 ospedali temporanei per diminuzione del contagio
(Foto di MNohammed Hassan/pixabay)

Le autorità della città cinese di Wuhan hanno annunciato la chiusura di 14 dei 16 ospedali installati per il trattamento dei pazienti infettati dal COVID-19.

A causa del calo del numero di pazienti affetti dal nuovo coronavirus, noto come COVID-19, nella città cinese di Wuhan (provincia centrale di Hubei), epicentro dell’epidemia, lunedì le autorità hanno sospeso l’ospedale provvisorio di Jianghan, portando a 14 il numero di ospedali chiusi. Tuttavia, le autorità hanno detto che il personale medico di questi ospedali rimarrà reperibile.

Zhai Xiaohui, vice direttore del Centro di gestione ospedaliera della Commissione sanitaria nazionale, ha detto lunedì che “sono già stati svuotati  quasi 10.000 letti negli ospedali”. E d’ora in poi, i casi confermati saranno inviati prima agli ospedali normali. Se non possono gestirli, saranno riaperti gli ospedali temporanei .

All’inizio dello scoppio della malattia letale, a Wuhan alcuni luoghi pubblici come centri espositivi e palestre sono stati trasformati in 16 ospedali temporanei per curare i pazienti con sintomi lievi e isolare la fonte dell’infezione.

Secondo l’ufficio di controllo generale COVID-19 della città, più di 12.000 pazienti con sintomi moderati sono stati trattati in questi ospedali temporanei.

Secondo la stessa fonte, gli altri due ospedali temporanei ancora aperti dovrebbero essere chiusi martedì.

Il 10 marzo il paese asiatico ha dichiarato di aver registrato solo 19 nuovi casi di malattia letale lunedì, cioè 21 casi in meno rispetto al giorno precedente.

La diffusione di COVID-19 è iniziata nella città cinese di Wuhan nel dicembre 2019, ma la malattia si è diffusa oltre la Cina continentale, raggiungendo oggi più di 115 paesi. I sintomi della malattia sono descritti come: febbre e stanchezza, accompagnati da tosse secca e, in molti casi, dispnea (difficoltà di respirazione).

Secondo le statistiche del portale Worldometer, il numero di persone colpite da questo virus in tutto il mondo è di 114 614, di cui più di 4000 sono morte. Il numero di casi recuperati è superiore a 64 200.

 

Traduzione dallo spagnolo di Silvia Nocera

Categorie: Asia, Salute
Tags:

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.