Honduras: quattro anni dopo, l’omicidio di Berta Cáceres è ancora impunito

15.03.2020 - El Progreso, Honduras - Redacción Ecuador

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo

Honduras: quattro anni dopo, l’omicidio di Berta Cáceres è ancora impunito
(Foto di Radio Progreso)

Quattro anni dopo l’assassinio di Berta Cáceres, diverse organizzazioni nazionali e internazionali si sono riunite al centro di formazione Utopia, la sede del Copinh (Consiglio civico delle organizzazioni popolari e indigene dell’Honduras) a La Esperanza, Intibucá, per chiedere giustizia per la leader indigena. “Vogliamo continuare ad approfondire la lotta di Berta Cáceres e accompagnare le lotte dei territori in difesa dell’acqua. Questa commemorazione è dedicata alla lotta per le acque di tutto l’Honduras”, ha detto a Radio Progreso Berta Zúniga, figlia di Berta Cáceres e attuale coordinatrice generale del Copinh.

Il 2 marzo 2016 Berta Cáceres, fondatrice e coordinatrice del Copinh, è stata assassinata nella sua casa, dove si è anche attentato alla vita dell’attivista messicano Gustavo Castro. Quattro anni dopo il suo omicidio, la richiesta è sempre la stessa: giustizia contro i mandanti dell’assassinio e annullamento dei progetti estrattivi che mettono in pericolo l’esistenza dei popoli indigeni dell’Honduras.

Molte irregolarità

La famiglia Cáceres e il Copinh hanno denunciato durante il processo ripetute irregolarità nello sviluppo del caso, sia da parte della Procura che da parte del Tribunale.

Il Centro di giustizia e diritto internazionale Cejil si unisce alle voci che chiedono giustizia per l’omicidio di Berta Cáceres. Il direttore di Cejil, l’avvocato Claudia Paz y Paz, ha denunciato come l’Honduras continui ad essere un paese pericoloso per chi difende i diritti umani: “Stiamo aspettando il processo di uno dei mandanti, David Castillo, ma non è stato ancora chiarito chi ha costituito il resto della struttura criminale che ha pianificato e ordinato l’omicidio di Berta Cáceres. Stiamo parlando di uomini d’affari che lo hanno fatto per mettere a tacere la sua voce e per sgominare la sua lotta contro l’installazione della società idroelettrica Agua Zarca”, ha detto Paz y Paz.

L’avvocato della famiglia Caceres e del Copinh, Rodil Vasquez, ha denunciato il fatto che i tribunali hanno escluso dal processo alcuni membri della squadra dell’accusa dopo che erano state presentate prove contro i banchieri partner della compagnia DESA come mandanti del crimine di Caceres. Da parte sua, Cejil si è rammaricato del fatto che la concessione sul fiume Gualcarque sia ancora in vigore nonostante siano state dimostrate in diversi procedimenti penali tutte le irregolarità legate a un’autorizzazione anomala e illegale. 

Fonte di ispirazione

Secondo Juana Esquivel della Fondazione San Alonso Rodríguez de Tocoa, nel dipartimento di Colón, lo spirito e la lotta di Berta Cáceres danno la forza necessaria per andare avanti e continuare a guidare la lotta in difesa dei beni comuni a Colón. “Berta è una sorella della lotta della regione del fiume Aguán. La sua lotta è stata molto stimolante per il suo impegno, l’amore per il suo popolo e tutta quella visione integrale che aveva della lotta contro il capitalismo, contro il patriarcato. E’ una forza che ci accompagna e ci ispira a continuare a difendere i beni comuni”, ha dichiarato Juana Esquivel a Radio Progreso.

Esquivel ha detto di essere consapevole che se Berta Cáceres fosse viva, li incoraggerebbe e si unirebbe alla lotta in difesa delle comunità e dei prigionieri politici attualmente incarcerati per aver difeso l’acqua e la vita. “Credo che Berta ci direbbe di mantenere sempre la nostra dignità e la forza della nostra lotta e di non arrenderci. E noi non ci arrenderemo, con la stessa forza ispiratrice di Berta e Carlos Escaleras continuiamo nell’Aguán a lottare per la liberazione dei nostri territori e dei nostri compagni”, ha detto Esquivel.

Campo minato

Berta Cáceres, vincitrice del premio Goldman 2015 per il suo lavoro ambientale, è stata assassinata nonostante la Commissione Interamericana per i Diritti Umani (IACHR) avesse chiesto allo Stato honduregno misure precauzionali per proteggere la sua vita. “Purtroppo il record dell’Honduras riguardo ai difensori della terra, dei territori e dell’acqua dimostra che è uno dei paesi più violenti dell’emisfero”, ha detto la direttrice di Cejil, Claudia Paz y Paz. Berta Zúniga è convinta che territori liberi, un paese con giustizia e un paese con democrazia sarebbero la più grande azione di giustizia per Berta Cáceres e la sua famiglia. “E per questo dobbiamo lavorare in un processo più ampio del Copinh, che metta insieme tutte le comunità e le organizzazioni che continuano a resistere”, ha detto Zúniga.

Traduzione dallo spagnolo di Federica Paganelli

Categorie: America Centrale, Ecologia ed Ambiente, Popoli originari
Tags: ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

 

Solidarietà ai tempi del Coronavirus

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

Chiudiamo le pagine di chi spegne i sorrisi

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.