La vaccinazione contro il morbillo dovrebbe essere obbligatoria?

01.04.2019 - Silvia Swinden

Quest'articolo è disponibile anche in: Inglese, Spagnolo, Greco

La vaccinazione contro il morbillo dovrebbe essere obbligatoria?
virus del morbillo (Foto di Cynthia S. Goldsmith, the Centers for Disease Control and Prevention)

Tom SolomonUniversity of Liverpool per The Conversation

A seguito di un’epidemia di morbillo nella contea di Rockland, nello Stato di New York, le autorità hanno dichiarato lo stato di emergenza, con i bambini non vaccinati esclusi dagli spazi pubblici, sollevando così importanti questioni sulle responsabilità dello Stato e degli individui in materia di salute pubblica.

Il virus del morbillo si diffonde attraverso persone che tossiscono e sputano, trasmettendoselo a vicenda. Il vaccino, che è altamente efficace, è stato somministrato insieme a quello per parotite e rosolia fin dagli anni ’70 come parte della cosiddetta vaccinazione MMR. L’incidenza globale del morbillo è diminuita notevolmente una volta che il vaccino è diventato ampiamente disponibile, ma il suo controllo è stato notevolmente rallentato dal lavoro di Andrew Wakefield, che ha cercato di collegare la vaccinazione MMR all’autismo.

Tale legame non esiste e Wakefield è stato poi radiato dall’Ordine dei Medici dal Consiglio di Medicina Generale per il suo lavoro fraudolento. Ma il danno ormai era fatto e si è dimostrato difficile da annullare.

Nel 2017, il numero globale di casi di morbillo è aumentato in modo allarmante a causa delle lacune nella copertura vaccinale in alcune aree e nel 2018 in Europa ci sono stati più di 80.000 casi.

Minaccia anti-vaccinista

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato il movimento anti-vaccini una delle prime dieci minacce sanitarie globali per il 2019 e il governo britannico sta valutando una nuova legislazione che obblighi le società di social media a rimuovere i contenuti con false informazioni sui vaccini. La recente mossa delle autorità americane che impedisce ai bambini non vaccinati di entrare negli spazi pubblici è un approccio giuridico diverso. Ammettono che sarà difficile da gestire, ma dicono che la nuova legge dimostra che stanno prendendo sul serio l’epidemia.

La maggior parte dei bambini affetti da morbillo sta semplicemente male,  con febbre, ghiandole gonfie, occhi e naso che colano e un’eruzione cutanea che provoca prurito. Quelli più sfortunati sviluppano dei problemi respiratori o gonfiore cerebrale (encefalite), e uno o due su mille morirà per la malattia. Questo è stato il destino della figlia di Roald Dahl Olivia, che morì a sette anni di encefalite da morbillo negli anni ’60 prima che esistesse un vaccino.

Quando il vaccino contro il morbillo divenne disponibile, Dahl rimase inorridito dal fatto che alcuni genitori non vaccinassero i loro figli, organizzò una campagna negli anni ’80 e rivolse loro un appello attraverso una lettera aperta. Riconosceva che i genitori erano preoccupati per il rarissimo rischio di effetti collaterali dell’iniezione (circa uno su un milione), ma spiegava che i bambini avevano più probabilità di morire soffocati con una tavoletta di cioccolato che a causa del vaccino contro il morbillo.

Dahl si scagliò contro le autorità britanniche per non aver fatto di più per vaccinare i bambini e si rallegrò dell’approccio americano dell’epoca: la vaccinazione non era obbligatoria, ma per legge si dovevano mandare i figli a scuola e i bambini non venivano  ammessi se non erano stati vaccinati. In effetti, una delle misure introdotte dalle autorità di New York questa settimana è quella di non accettare i bambini non vaccinati nelle scuole.

Precedenti

Con l’aumento del morbillo in America e in Europa, i governi dovrebbero andare oltre e rendere obbligatoria la vaccinazione? Molti potrebbero sostenere che si tratta di una terribile violazione dei diritti umani, ma ci sono dei precedenti. Ad esempio, per molti viaggiatori provenienti da paesi dell’Africa e dell’America Latina è richiesta la prova della vaccinazione contro il virus della febbre gialla a causa dei timori della diffusione di questa terribile malattia e nessuno sembra opporsi a questo provedimento.

Inoltre, nelle rare occasioni in cui i genitori rifiutano i farmaci salvavita per un bambino malato, forse per motivi religiosi, i tribunali superano queste obiezioni con le leggi di tutela dell’infanzia. Ma che dire di una legge che impone di somministrare vaccini per proteggere un bambino?

I vaccini sono visti in modo diverso perché il bambino non è effettivamente malato e ci sono occasionalmente gravi effetti collaterali. È interessante notare che in America gli Stati hanno l’autorità di richiedere che i bambini siano vaccinati, ma tendono a non applicare queste leggi dove ci siano obiezioni religiose o “filosofiche”.

Ci sono curiose analogie con l’introduzione delle cinture di sicurezza obbligatorie nelle automobili in gran parte del mondo. In rare circostanze, una cintura di sicurezza potrebbe effettivamente causare danni a causa della rottura della milza o del danneggiamento della colonna vertebrale, ma i benefici superano di gran lunga i rischi e non ci sono molti attivisti che si rifiutano di allacciare le cinture di sicurezza.

Posso capire chi si preoccupa delle vaccinazioni. Sono bombardati quotidianamente da argomentazioni contraddittorie. Purtroppo, alcune prove suggeriscono che quanto più le autorità cercano di convincere le persone dei benefici della vaccinazione, tanto più queste si insospettiscono.

Ricordo quando una delle mie figlie ha fatto la vaccinazione MMR all’età di 12 mesi. Mentre la tenevo stretta, e l’ago si avvicinava, non potevo fare a meno di rivedere i numeri nella mia testa, cercando di convincermi che stavo facendo la cosa giusta. E c’è qualcosa di innaturale nell’infliggere dolore al tuo bambino attraverso un forte puntura, anche se sai che è a suo vantaggio. Ma se c’erano dei dubbi, dovevo solo pensare ai tanti pazienti affetti da malattie prevenibili dai vaccini di cui mi sono occupato nell’ambito del mio programma di ricerca oltreoceano.

Lavorando in Vietnam negli anni ’90, mi sono occupato non solo di pazienti affetti da morbillo, ma anche di bambini affetti da difterite, tetano e polio, malattie ormai confinate nei libri di storia della medicina occidentale. Ricordo di aver mostrato l’ospedale a una coppia inglese appena arrivata a Saigon con la famiglia. “Non crediamo nelle vaccinazioni per i nostri figli”, mi hanno detto. “Crediamo in un approccio olistico. È importante permettere loro di sviluppare la propria immunità naturale”. Alla fine della mattinata, terrorizzati da ciò che avevano visto, avevano prenotato la vaccinazione dei loro figli nella clinica locale.

In Asia, dove abbiamo lanciato programmi di vaccinazione contro il virus dell’encefalite giapponese trasmessa dalle zanzare, causa letale di gonfiore cerebrale, le famiglie si mettono pazientemente in fila per ore sotto il sole tropicale per far vaccinare i loro figli. Per loro gli atteggiamenti degli occidentali contrari ai vaccini sono sconcertanti. È solo in Occidente, dove raramente vediamo queste malattie, che i genitori pontificano sui rischi ridotti delle vaccinazioni; di fronte agli orrori delle malattie che esse prevengono, la maggior parte delle persone cambierebbe presto idea.

Tom Solomon è Direttore dell’Unità di ricerca sulla protezione della salute dell’Istituto Nazionale per la Ricerca Sanitaria (NIHR), Unità di ricerca sulla protezione della salute nelle infezioni emergenti e zoonotiche e Professore di Neurologia, Istituto di infezione e salute globale, Università di Liverpool.

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons.

Articolo originale.

Traduzione dall’inglese di Annalaura Erroi

Categorie: Diritti Umani, Internazionale, Opinioni, Salute
Tags: , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.