“La Rinascita del tempo” è il progetto artistico attraverso il quale il Tavolo per la Pace della Val di Cecina sta promuovendo e diffondendo il Giardino della Pace con la pianta di caki erede dagli alberi sopravvissuti al bombardamento statunitense su Nagasaki. Lunedi 18 febbraio abbiamo avviato un altro Giardino della Pace nelle scuole primarie Rodari di Cecina. Se ne può trovare un altro alle scuole medie Galilei di Cecina e uno sorgerà nel giardino pubblico dietro la Biblioteca di Cecina. Ce ne sono anche a Castagneto alla scuola Borsi e a Donoratico nel parco delle Sughere a Donoratico.

Si tratta di una specie dell’albero del caki detta “Tongo” e tramite gli alberi di seconda generazione nati da quelli sopravvissuti alla bomba atomica intendiamo trasmettere i messaggi della forza della vita e della tenacia nel superare le difficoltà, riflettendo sull’importanza della Pace come pilastro centrale della società del futuro, senza armi nucleari e senza guerre.

Non è mai stato così grande il rischio di un conflitto nucleare. L’ONU ha prodotto un nuovo Trattato di proibizione del nucleare che l’Italia non ha ancora firmato ma che il nostro paese dovrebbe onorare quanto prima per tutelare i cittadini italiani e il resto dell’umanità da questa incredibile follia autolesionista.

Il 22 febbraio al circolo Arci la Pista di Vada presenteremo il libro di Alfonso Navarra e Luigi Mosca e Mario Agostinelli “La follia del nucleare”, con la presenza di Alfonso Navarra, e seguiranno in date da destinarsi altre iniziative di sensibilizzazione e di protesta volte a promuovere il trattato e ad uscire dal sistema guerra in cui il paese è intrappolato da anni.

La Pace è un bene comune senza colori politici e dovrebbe essere elevato a principio irrinunciabile senza il quale non può esserci sviluppo. Il Tavolo per la Pace invita tutti i cittadini ed amministratori locali a partecipare alle nostre assemblee ed iniziative a partire dall’assemblea del 26 febbraio prossimo alle ore 21,15 a Pomarance (PI), sala consiliare.