Sognando la California: indipendenza dalla FED grazie alla marijuana

06.07.2018 - Redazione Italia

Quest'articolo è disponibile anche in: Inglese

Sognando la California: indipendenza dalla FED grazie alla marijuana

di Ellen Brown
l’articolo originalesi trova su Truthdig del 3 luglio 2018

 

Spronati dall’industria della cannabis che gira solamente con denaro liquido, i residenti di Los Angeles saranno i primi a votare una licenza di Banca Pubblica, dopo che il Consiglio comunale ha deciso il 29 giugno di approvare una consultazione popolare a novembre che permetterebbe alla città di creare una propria banca.

Lo statuto della seconda città statunitense attualmente proibisce la creazione di imprese industriali o commerciali senza l’approvazione degli elettori. La nuova regola, introdotta dal presidente del Consiglio comunale Herb Wesson, consentirebbe alla città di creare una banca pubblica, sebbene rimangano da chiarire gli ostacoli legali statali e federali.

Si prevede che la banca farà recuperare milioni, se non miliardi, di dollari sulle commissioni e interessi che attualmente gli obbligazionisti pagano a Wall Street, iniettando nuovi capitali nell’economia locale, generando posti di lavoro e ampliando la base imponibile. Potrebbe rispondere alle esigenze dei suoi residenti e reinvestire in edilizia popolare, progetti infrastrutturali critici e energia pulita.

La spinta per una simile banca arriva anche dalla preoccupazione per le enormi quantità di denaro generate dal business della cannabis, che è stata legalizzata dalla ‘Proposition 64’ della California nel 2016. Wesson ha detto che la cannabis esercita “una specie di percolazione al vertice” sulla spinta per la banca pubblica, “Ma non è il motore principale”, citando alloggi a prezzi accessibili e altre questioni chiave. Ha aggiunto che l’idea di una banca pubblica dovrebbe essere perseguita indipendentemente dalla questione della cannabis.

Comunque, la prospettiva di introiti fiscali milionari è un ovvio motivo. Los Angeles è il più grande mercato di cannabis nello stato, con il sindaco Eric Garcetti che stima di trarne per la città 30 milioni di dollari in tasse.

Fiona Ma, membro del consiglio di stato di Equalization, che concorre al posto di tesoriere statale, dice che l’industria della cannabis genera da 8 a 20 miliardi di dollari e continua a funzionare per lo più in contanti quasi due anni dopo la legalizzazione. Aggiunge che la maggior parte delle aziende opera nel mercato nero senza pagare tasse. Ciò è in gran parte dovuto al fatto che la legge federale nega loro l’accesso al sistema bancario, costringendoli a trattare solo in contanti e causando incubi quando pagano le tasse e trasferiscono denaro.

La cannabis è ancora un farmaco vietato dal Programma 1 secondo la legge federale e la FED ha rifiutato di tenere un conto con le banche che accettano contanti provenienti dalla cannabis. Senza un conto alla FED, le banche non possono accedere ai servizi di trasferimento di Fedwire, di fatto restando escluse dal business bancario.

Con una mossa a sorpresa all’inizio di giugno, il presidente Trump ha annunciato che “probabilmente finirà per sostenere” una legislazione che consenta agli Stati di impostare la propria politica sulla cannabis. La senatrice Ma dice che questa è una buona notizia, ma che la California non può aspettare il governo federale. Lei e il senatore Bob Hertzberg, del distretto di Los Angeles, hanno introdotto in Senato la proposta di legge 930, che consentirebbe alle banche statali e alle istituzioni finanziarie di richiedere una speciale licenza bancaria per accettare i clienti dopo un rigoroso processo che segua le normative del Dipartimento del Tesoro federale. Quel disegno di legge ha eliminato un importante ostacolo legislativo quando è stato approvato dal Senato dello Stato il 30 maggio.

La PdL 930 si concentra sulle banche statali della California, che potranno operare con un sistema a circuito chiuso con un’assicurazione sui depositi privata, a differenza delle banche federate. Come ha spiegato Ma in un articolo del 17 maggio sull’Ape di Sacramento:

Esistono due tipi di banche: quelle con statuto federale e quelle con statuto della California. Poiché la cannabis è ancora considerata un narcotico di Classe 1, non possiamo accedere alla rete bancaria federale. Vogliamo banche statali che siano protette, regolamentate e certificate ai sensi della legge californiana e che non siano soggette alla FED.

Le imposte sul reddito dello Stato, le imposte sulle vendite, la disoccupazione, le indennità per i lavoratori e le tasse sulla proprietà possono essere pagate attraverso un sistema a circuito chiuso che riceve entrate dall’industria della cannabis, ma separatamente dal sistema bancario federale. … Le aziende della cannabis potrebbero far parte di un sistema senza contanti simile a quello di Apple Pay, e il loro denaro sarebbe assicurato da un’istituzione con licenza statale.

Questa è un’idea piuttosto rivoluzionaria: un sistema bancario californiano a circuito chiuso indipendente dalla Federal Reserve e dal sistema federale. Le disposizioni del DdL 930 consentirebbero solo al contante proveniente dalla cannabis di aggirare il sistema federale. Il disegno di legge limita strettamente le caratteristiche degli assegni emessi dalle banche non-FED, ma apre interessanti prospettive. La California è ora la quinta più grande economia del mondo, con 39 milioni di cittadini. Ha le risorse per un proprio sistema “CalPay” o “CalCoin” senza contanti che potrebbe bypassare del tutto il sistema federale.

La Banca del North Dakota, attualmente l’unica banca di proprietà statale degli USA, è stata definita “mini-Fed” per quello stato. Anche la California, che ha oltre 50 volte la popolazione del Nord Dakota, merita la sua mini-Fed. La Banca del Nord Dakota collabora con le banche locali per effettuare prestiti a tassi agevolati per fini comunitari, compresi prestiti al 2% per le infrastrutture locali, e allo stesso tempo genera un profitto netto per lo stato. Nel 2017, ha registrato il 14 ° anno consecutivo di profitti record, con 145,3 milioni di utili netti e un ritorno sull’investimento statale del 17%.

È significativo che la proposta di un sistema Californiano a circuito chiuso provenga da personaggi che hanno un peso politico. La Ma ha vinto le elezioni primarie di giugno a Tesoriere di Stato con una valanga di voti, e l’attuale tesoriere di stato, John Chiang, sta esplorando da oltre un anno la possibilità di una banca pubblica che potrebbe prendere il denaro della cannabis. Anche il governatore Gavin Newsom, capo del governo, ha chiesto la creazione di una banca pubblica. Questi non sono accademici da salotto, sono le persone che prendono decisioni politiche per lo stato, e hanno un sostanziale sostegno popolare.

I gruppi di avvocatura pubblica delle città di tutta la California si sono uniti per formare la California Public Banking Alliance, che promuove una legislazione per rendere più semplice istituire banche municipali in tutto lo stato, nell’ambito di uno speciale regolamento statale.

Un comunicato stampa di Los Angeles Public Bank, uno di quei gruppi di avvocatura pubblica, osserva che 15 articoli legislativi per le banche pubbliche sono stati abbozzati negli Stati Uniti attraverso comitati comunali e legislatori statali, e più di tre dozzine di movimenti bancari pubblici stanno crescendo in tutti gli USA. San Francisco ha creato una Task Force di 16 persone per la fattibilità della Banca municipale; Seattle e Washington-D.C. hanno stanziato 100.000 dollari ciascuno per studi di fattibilità bancaria pubblica; i legislatori dello stato di Washington hanno aggiunto quasi 500.000 dollari al loro budget per produrre un business plan per una banca di deposito pubblico. I legislatori statali del New Jersey, con il sostegno del governatore Phil Murphy, hanno presentato un progetto di legge per costituire una banca di proprietà statale, e i deputati repubblicani e democratici del Michigan hanno presentato una proposta di legge bipartisan per crearne una in quello stato.

Le città e gli stati stanno cercando modi per sfruttare meglio i dollari dei contribuenti e reinvestirli nei bisogni delle comunità locali. L’attività bancaria pubblica serve a tale scopo, con l’impegno locale e l’opportunità di prestiti e investimenti socialmente e ambientalmente responsabili. Il consiglio comunale di Los Angeles ora sta portando questa proposta agli elettori, e dove la California va, la nazione potrebbe seguirla.

 

Traduzione dall’inglese di Leopoldo Salmaso

 

Categorie: Cultura e Media, Economia, Internazionale, Nord America, Opinioni, Scienza e Tecnologia
Tags: , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


App Pressenza

App Pressenza

Diritti all'informAZIONE

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.