No Muos, la cittadinanza attiva riprende la marcia da Niscemi

16.05.2016 - Dario Lo Scalzo

No Muos, la cittadinanza attiva riprende la marcia da Niscemi
(Foto di Dario Lo Scalzo)

La vicenda Muos è come un’altalena. E’ trascorso oltre un lustro dalla fase più calda di questa storia all’italiana caratterizzata da sonore vittorie del popolo e dei movimenti sociali che poi per incanto sono state sistematicamente susseguite da scandalose sconfitte sempre legate a decisioni ora delle autorità amministrative, ora della classe dirigente ora degli organi giudiziari. Nei retroscena di questi sfiancanti giochi d’altalena c’è sempre stata l’ombra nera e onnipresente degli Stati Uniti e della sua enorme influenza sulla vita politica e economica del nostro paese.

Sì, certo nulla di nuovo all’orizzonte, direte … ed è vero, ma quando in uno Stato di diritto ci sono sentenze e evidenze come quelle prodotte contro il Muos durante questi anni, allora, magari, nonostante anni d’esperienza e di lotta, ci si illude e si arriva a pensare persino che non solo si sia vinta una battaglia, tra l’altro in maniera del tutto pacifico e nonviolento, ma addirittura che si sia portata a casa l’intera posta in palio a beneficio del popolo sovrano.

E invece regolarmente arriva un rewind che lì per lì stronca il respiro e le gambe e lascia per qualche ora in una sorta di deprimente impotenza. Le prime cose che balzano alla mente sono che ancora una volta l’avranno vinta loro, quelli dell’1%.

Ma poi inaspettatamente arriva una manifestazione No Muos, come quella di domenica 15 maggio a Niscemi e vedi la società presente, viva, decisa e rivitalizzata dalla convinzione di avere tutte e ragioni, e che ragioni, per non demordere e proseguire la lotta. E’ la cittadinanza attiva che si fa avanti e che sempre più matura cerca inoltre di sensibilizzare gli altri, gli scettici, gli abitudinari del delegare.

C’è da dire che l’ultima sentenza del Cga con la quale è stato accolto il ricorso del Ministero della Difesa è una battuta d’arresto di quelle che potrebbero far cadere le braccia, non foss’altro per le modalità scorrette e in malafede con le quali si è arrivati a dimostrare il non pericolo del Muos per la salute umana. Ma ciononostante il Muos resta sotto sequestro perché, è bene rammentare, che la base della Marina Militare US giace su un’area di assoluto veto di edificabilità, la Riserva naturale della Sughereta, ciò che è inequivocabilmente reato ambientale. Questo non è un dettaglio da poco e rappresenta del resto la leva che ha portato sinora i comitati No Muos e le associazioni ambientaliste a delle cocenti vittorie e al sequestro ancora in piedi della base.

La speranza non cede il passo alla rassegnazione e così, in questo “duello” tra Davide e Golia, aspettando il processo penale di Caltagirone che per l’appunto dovrebbe sentenziare sulle responsabilità penali legate alle concessioni in un sito di interesse comunitario (SIC) e di conseguenza sull’abusivismo, ci si federa in piazza in alcune migliaia di persone per gridare un forte e ennesimo no al MUOSstro. Ed è già iniziato un nuovo giro d’altalena.

Abbiamo raccolto in un video alcuni dei momenti della giornata di mobilitazione di Niscemi e abbiamo raccolto l’avviso di alcuni dei partecipanti:

Categorie: Cultura e Media, Ecologia ed Ambiente, Europa, Interviste, Politica, Salute, Video
Tags: , , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

 

Solidarietà ai tempi del Coronavirus

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.