Manifestazione a Capo Frasca in Sardegna contro le basi Usa-Nato

15.09.2014 - Redazione Italia

Manifestazione a Capo Frasca in Sardegna contro le basi Usa-Nato
(Foto di http://sadefenza.blogspot.it/)

Oltre 10.000 persone hanno manifestato sabato 13 settembre 2014 al poligono di Capo Frasca  (OR) chiedendo la dismissione di tutte le basi, rispondendo all’appello delle  organizzazioni antimilitariste e antimperialiste sarde. Una partecipazione popolare che non si vedeva dal 1969, quando gli isolani impedirono le esercitazioni militari a Pratobello di Orgosolo. Segno che la misura è colma, che la gente sarda non ne può più di servitù militari che occupano buona parte dell’isola, ricevendo in cambio morte, disoccupazione e isolamento.

A Capo Frasca, le esercitazioni “aereo-terrestri”, con sganciamento di bombe di vario tipo su obiettivi fissi-mobili vanno avanti da 35 anni; a volte “sbagliano mira” e finendo per colpire anche a morte i pescatori dello stagno di  Marceddì, o bruciando 35 ettari di macchia mediterranea, come accaduto la settimana scorsa.

A Perdas de Fogu (altro poligono di morte nell’Ogliastra-costa orientale) è da tempo noto l’uso di bombe “all’uranio impoverito” che comportano leucemie e  altre patologie tra la popolazione e gli stessi militari . Tanto da far  scattare inchieste, che vedono a breve processati ( 23/9 a Lanusei, la  Regione è parte civile) i conduttori del poligono e i vertici di Forze Armate e del Ministero della Difesa. Con l’aggravante dell’uso del poligono da parte delle forze  armate israeliane, che poi utilizzano quell’addestramento contro i palestinesi, come le recenti distruzioni e morte su Gaza dimostrano.

A Teulada (sud ovest di Cagliari) il 21/9 riprendono le esercitazioni ” terra-terra”, nonostante le numerose proteste, tra cui anche quella della Regione sardegna, che invitano le forze armate a soprassedere.

Soffiano forti venti di guerra nel Mediterraneo, in Medio Oriente e altrove, con il governo Renzi e le “ex pacifiste” ministre Pinotti-Mogherini imbarcate in avventure militari a sostegno dell’industria bellica,
a partire da Finmeccanica.

Il rifiuto delle basi Usa-Nato in Sardegna, la rottura dei reticolati e l’invasione a Capo Frasca si aggiungono a quanto già in corso in Sicilia, a Niscemi, con il Comitato Regionale NO Muos.  La Sicilia al pari della Sardegna è occupata dalle basi direttamente  operative, come quelle di Augusta e Sigonella, quest’ultima divenuta la base per eccellenza delle ” neo armi da guerra Usa”, costituite dal dispositivo strategico che fa capo al “sistema Muos-Droni”.

Per non parlare del ” fronte Nord Italia” , assicurato in particolare  dalle grandi basi di Aviano e Ghedi fornite di bombe atomiche e dalla base Comando Usa “Dal Molin” di Vicenza. Ce n’è quanto basta per ritessere le fila di un movimento antimilitarista-antimperialista, che dichiari apertamente le ostilità all’uso del territorio italiano per la guerra e tale da sollecitare identico impegno in Europa.

Crisi economica e ripresa della guerra vanno a braccetto. Le ulteriori spese militari, le missioni e il riarmo sono a scapito dei servizi sociali e dei beni comuni, che il governo Renzi si appresta a tagliare. Quando invece eliminando la partita degli F35 + il disarmo di basi-armi da guerra, l’Italia respirerebbe, offrendo un’alternativa concreta alla disoccupazione giovanile e strutturale, ai milioni di famiglie che vivono dentro e oltre la soglia di povertà.

Confederazione Cobas

Categorie: Comunicati Stampa, Europa, Pace e Disarmo
Tags: ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 26.02.20

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

Chiudiamo le pagine di chi spegne i sorrisi

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.