Veniamo a sapere che Federutility (l’associazione di categoria dei gestori del servizio idrico) ha depositato un “intervento ad opponendum” al ricorso al TAR presentato lo scorso febbraio da Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua e Federconsumatori contro la tariffa “ammazza referendum” predisposta dall’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas.

Federutility sostiene che la tariffa truffa perpetrata dall’AEEG non viola i referendum confermando il patto d’acciaio tra controllori dell’AEEG e controllati di Federutility che, in barba a referendum e volontà popolare, altro non vogliono che proteggere gli interessi dei gestori privati.

Ricordiamo che Federutility è un’associazione finanziata dai gestori e dunque dal denaro di chi usufruisce del servizio idrico. Ci troviamo a constatare ancora una volta che le bollette degli italiani vengono utilizzate contro il volere e l’interesse degli stessi cittadini, nel drammatico cortocircuito che contrappone i gestori privati, sconfitti ai referendum, alle scelte democratiche dei cittadini italiani.

Il Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua è fiducioso sul pronunciamento del TAR contrario ad una tariffa che spudoratamente elude i referendum di giugno 2011. Ci aspettiamo, dopo la sentenza del Tribunale Amministrativo, una nuova tariffa e il rimborso in quanto illegittimamente versato dai contribuenti italiani.